11 Dicembre 2017
[]
La nostra storia
percorso: Home

La Storia del team

Come nasce il progetto di un Running Team 100% Made in Pisa
Il progetto PISA ROAD RUNNERS CLUB nasce ad inizio 2012 da un team di Amici Pisani (Andrea Maggini, Elena Cambi, Sergio Costanzo, Paola Grassini e Simone Ferrisi) di comprovata esperienza italiana ed estera (dirigenziale, organizzativa, sportiva e/o preparatoria) che ha registrato:
- il bisogno di una realt totalmente (!) Made in Pisa!
- di rispondere alle centinaia di podisti occasionali locali perlopi liberi o appartenenti a gruppi di ciclismo, tennis, calcio, etc. che ricercano consigli ed indirizzi;
- dalle molte email e messaggi ricevuti da singoli cittadini pisani di richieste di ritrovi, gruppi, allenamenti collettivi, etc. Tutti legati da una mancanza totale di informazione (appare incredibile ma di questi occasionali , ad esempio sul viale delle Piagge, nessuno conosce il Trofeo delle Tre Province o il Criterium ad esempio. Conoscono PisaMarathon ma la vedono, inizialmente, inarrivabile complice un´iniziale bassa autostima).
- dai molti genitori che accompagnano i propri figli presso impianti sportivi cittadini e che possono pertanto muoversi nei medesimi orari se seguiti;
- dalle molte opportunit che professionisti (medico sportivi, medici specializzati in diabetologia, cardiologia, etc. fisiatri e fisioterapisti, aziende, palestre, negozi, etc.) offrirebbero se ci fosse una realt coordinata che faccia sia da scuola, introduzione e sia anche un modello di performance da seguire;
- l´assenza di centri cittadini di riabilitazione post-infortunistica e post-operatoria con team di personale preparato nella pratica della camminata (nordic walking), postura e appoggio oltrech all´introduzione del movimento dinamico (introduzione alla corsa soft)
- la ´fame´ di qualcosa di mediaticamente accattivante, visibile e che garantisca la parola ´PISA´ e/o i suoi simboli da portare orgogliosamente addosso, Meglio se con colori visibili ed identificativi.
- a ci si associa, infine, il fatto che i gruppi attualmente esistenti in zona non rispondono alle varie domande, chi per un verso e chi per un altro e le esperienze maturate dai Soci Fondatori convergono verso questo nuovo orizzonte motivate da un rinnovato entusiasmo per la costruzione di un nuovo organismo sportivo cittadino.
La Missione
- creare una realt cittadina che risponda ai quesiti ed opportunit di cui sopra.
- offrire stage e cultura con la ´scuola´ di running (avviamento alla corsa) da affiancare agli amatori e master nella frequentazione sia delle ludico-motorie che agonistiche;
- costruire una ´scuola´ di orienteering per favorire una nuova forma di divertimento sia per i giovani (che tendono a mollare se appesantiti dalla mono-disciplina) ed adulti;
- nell´arco di tre anni tornare a giocarsi un titolo Fidal (come quello vinto da vari di noi con squadra femminile cittadina nel 2007, l´unico in Toscana negli ultimi 15 anni)
- soprattutto creare un vero e proprio ´Circolo´ di ritrovo di appassionati di podismo (e con curiosit affrontare la multidisciplina ed altre specialit)
- appassionarsi nel vivere in tutte le sue forme la corsa in particolare e lo sport praticato in generale costruendosi una cultura sul funzionamento del corpo e della mente. Dalla competitiva alla non competitiva, dal trail running alle 5km, dalle ultra-maratone alle corse a tappe, etc.
- organizzazione di gite per mezze maratone e maratone
- organizzazione di campus, stage con professionisti e cene
- diventare un riferimento locale del movimento gi con la presentazione ufficiale del progetto in Comune insieme ai Tecnici.
- sviluppare con Enti Locali ed altre realt progetti di avviamento all´attivit motoria in generale e corsa in particolare per tutte le et;
- offrire le esperienze dei propri dirigenti, maturate nel corso degli anni, verso il movimento ed organismi esistenti (ad esempio: PisaMarathon Strapazzata club APD)
Il nome, il simbolo ed il motto.
Pisa Road Runners Club deriva dalla massima esposizione del carattere cittadino veicolando il nome della citt (PISA) ispirandosi ad altri team internazionali e soprattutto ispirandosi agli organizzatori della maratona di New York (New York Road Runners Club).

Il simbolo l´aquila imperiale stilizzata, di colore giallo, sopra la scritta e l´ovale che contiene la croce pallata pisana su sfondo rosso. Il disegno opera dell´artista lucchese (di Lucca Comics) Antonio Tregnaghi.

L´aquila, simbolo della provincia pisana, si erge ogni anno sul galeone rosso della Repubblica Marinara Pisana.

Il motto scelto quello che esprime lo spirito sportivo del club ´correre liberi e fieri, come le aquile´.
2012-2013: l'attivit sportiva, la filosofia che cresce, l'abbigliamento 'fashion' le gare, i primi titoli e le arrancate in citt
Tra la fine del 2012 e, soprattutto nel 2013, l'attivit sportiva prende inizio ed 'esplode' con oltre 40 Associati. Varie donne esordiscono sulle distanze di maratona e mezza maratona di Pisa nel dicembre 2012 e con l'affiliazione 2013 alla Uisp e Fidal parte l'attivit pi agonistica.

Parallelamente si apre anche l'attivit ludico-motoria collegata al Trofeo delle Tre Province per la pratica pi soft dell'attivit motoria.
Nel marzo 2013 viene aperta anche la sezione triathlon con affiliazione Fitri ed i primi 7 associati si divertono nella multidisciplina.

L'approccio 'friendly' dei dirigenti e 'fashionist' dell'abbigliamento con i simboli di Pisa creano il giusto appeal insieme alla fondazione e frequentazione delle cosiddette 'arrancate' per la citt, vere e proprie occasioni di aggregazione settimanale in nome del divertimento condiviso correndo per le strade cittadine. Tutti i mercoled, alle ore 18,30 un appuntamento diverso da un nuovo luogo di partenza per raid indimenticabili (vedesi le cronache di tutte le arrancate tra le 'News')

Nel 2013 non mancano i primi titoli: Lorena Meroni vince il titolo regionale Uisp di corsa su strada MF35 (Livorno) ed il Criterium Podistico Toscano 2013 (categoria amatori donne), Isabella Cerutti vince il titolo regionale FIDAL di corsa su strada MF40 a Carrara e la squadra femminile arriva al secondo posto regionale con 17 esponenti dopo pochi mesi dalla fondazione.

Eppoi le 'grandi' imprese come quella di Francesco Bellinvia, primo 'gigante' pisano al Tor des Geants in Val d'Aosta e di Mario Comassi e Giuseppe D'Angelo ad Embrun per il pi difficile triathlon esistente sulla distanza lunga (3,8 km nuoto, 180 km bici e 42 km di corsa).

Eppoi staffette, corse di tutti i generi, eventi in tutta Italia ed all'estero.
Quindi le cene sociali, perlopi al Ristorante La Clessidra (la prossima in programma il 3 dicembre 2013) e con noi gli Sponsor al nostro fianco: Brooks Italia, Celadrin, Colucci & C. Assicurazioni, Ristorante La Clessidra e Fisiokinetic.
Una rappresentanza dei Pisa Road Runners nel 2013
Area Tecnica: si inaugura il primo Pre-Corso di avviamento alla corsa (2013)
La pubblicit del Pre-Corso dei Pisa Road Runners
Una delle mission del team prende corpo nel 2013 con l'apertura dell'Area Tecnica formata da 7 istruttori (FIDAL, FITRI, FIT-walking, laureati scienze motorie, podologi, etc.). Nei mesi di giugno e luglio vengono introdotti gli obiettivi della sezione e vengono organizzati due incontri pubblici presso il business center F.Lombardi in Aeroporto con due argomenti importanti: "il piede, l'appoggio e la calzatura running" (con il Dottore Andrea Guerrini) e "le analisi ematochimiche (sangue ed urina) negli sportivi" (Dottor Sergio Costanzo).

Quindi l'esordio del primo Pre-Corso di avviamento alla corsa organizzato dai Pisa Road Runners in collaborazione con Brooks Italia ed il Brooks Store dell'Aeroporto.

Oltre 30 gli iscritti alla prima edizione per 10 lezioni teorico-pratiche presso il Viale delle Piagge dove vengono introdotte le basi e le esperienze dei tecnici (Andrea Guerrini, Cinzia Fascetti, Paola Grassini, Andrea Maggini, Pablo Sergianni, Graziano Sodi e Sergio Costanzo).

La finalit del Pre-Corso (gratuito) quella di portare pi persone a praticare attivamente uno sport in generale, il podismo in particolare, assecondando i desiderata del partecipante e seguendolo anche psicologicamente lungo il suo percorso verso una mentalit dinamica.

La costituzione di pi gruppi di lavoro, dai camminatori ai gi podisti abituali in odor di prima mezzamaratona, assolve lo scopo anche grazie alla diversificazione degli istruttori (dalla camminata, alla corsa, fino anche alla multidisciplina).
2014: l'esplosione del Triathlon e del Trail, i primi titoli regionali (Fidal e Uisp) con le donne, le scuole (running, nuoto e bike) e tanto altro per 120 soci.
Abbiamo iniziato l'anno con 60 associati e/o tesserati e ci ritroviamo il doppio di aquile rosse a chiusura di questo 2014. Figlio delle incredibili occasioni create e dall'appeal dei nostri appartenenti i cui valori e lo spirito che sprigionano quotidianamente, ed istintivamente, danno forza a noi, dirigenti e fondatori, consentondoci di ripulire la strada, come i sentieri recentemente adottati dal team sui nostri monti.
Enorme stato l'orizzonte che abbiamo costruito a vari livelli:

Sotto l'aspetto associativo abbiamo raddoppiato gli affiliati (dai 60 ai 120 di fine anno) con quasi 70 tesserati Fidal, 40 Uisp, 14 Fitri e 15 alle Tre Province con personalissime card elettroniche. Abbiamo poi fatte molte cene ed apericene (non solo alla Clessidra), una gita in autobus alla Cortina-Dobbiaco 30k e spedizioni varie a San Galgano (per il trail), all'Elba (per il triathlon), etc

Le 'scuole' hanno funzionato a dovere. Siamo partiti con le incredibili presenze a gennaio alle varie sedute di ripetute in salita alle Capanne (con anche 32 partecipanti gestite dal sottoscritto), ai 28 partecipanti al Corso di Nuoto a San Giuliano da febbraio a marzo (Tecnico Graziano), alle ArrancaBike per tutti (soprattutto neofiti) da aprile scorso (con Beppe alla guida), fino all'incredibile partecipazione al secondo corso di running a tre livelli, lo scorso settembre, sul viale delle Piagge con 94 partecipanti (con me, Sergio, Andrea G. e Paola come trainers)! Al termine sono usciti nuovi triatleti e nuove aquile ed aquilotte con le scarpe da runners pronte a scalpitare per il loro esordio in mezzamaratona. Tanta cultura ed esperienze dispensate ed acquisite.

A livello organizzativo, oltre a gestire per la seconda volta il Gran Premio del Monte Serra Ragazzi del Vega 10, con un tempo da tregenda (ma con un incredibile successo di partecipazione), le edizioni "zero" del Vertical Faeta e del Trail dei Monti Pisani hanno messo le basi per la costruzione delle 'prime' edizioni ad inizio 2015 con la costruzione delle giuste relazioni (con Comune di Calci, Universit, storici, operatori, CAI di Pisa fino, sponsor, partners, etc.) e dell'evento stesso con servizi fotografici, riprese aeree con drone, da terra fino al completamento con uno splendido video e l'elaborazione dei due loghi. Soprattutto sono occasioni che ci consentono di far nascere e crescere, oltre a me e Simone, nuovi organizzatori in seno al team come Sergio e Francesco. Ma anche con l'adozione di due sentieri del CAI (117 e 139) a cui demandata la pulizia e cura. Organizzare poi tante sedute sui monti anche da 30 persone o 'offrire' 45 volontari alla PisaMarathon, per il suo successo, cosa importante ai fini della mission associativa.

L'aspetto agonistico ci ha visti ancor pi protagonisti con la vittoria dei due titoli regionali femminili di corsa su strada Uisp 10k a Carrara e di mezza maratona Fidal a Pisa ad ottobre. Le nostre donne non sono pi, a questo punto, una sorpresa ma saranno obiettivo da battere per le nostre pi acerrime rivali sportive. Poi con una partecipazione pi massiccia al Criterium dove al podio finale sono state portate due donne (Grassini e Meroni entrambe terze) ed altre a premio (Zerilli e Michelucci) ma anche con una partecipazione costante di Damiani, Cerutti, Monticelli, Di Bari, etc. Titolo regionale Fidal a Ferretti con secondo posto a Cerutti e terzo a Caleo. Titolo regionale Uisp per Martelli e vice Zerilli, Golisano e Cerutti. Eppoi tanti piazzamenti alle varie gare in Toscana fino alle performance varie a vari livelli di donne e uomini in una crescita continua con l'orgoglio tutto nostro di portare vari esordienti in mezza maratona e, soprattutto, nuove aquile rosse maratonete (Menconi, Scacco, Fiorido, Giglia, Monticelli, Matteucci, Battaglia, etc.)

L'impresa. Se nel 2013 abbiamo trepidato per un'aquila 'finisher' al Tor des Geants (Francesco Bellinvia) quest'anno stata la volta del nuovo 'gigante' Giulio Fascetti a cui va il riconoscimento per l'impresa dell'anno da parte di tutto il team.

Tre Province. Il pensiero forte che Marcello Bassi si sia ripetuto nella perenne presenza ai tavoli, quasi tutte le sacrosante mattine cosa che ci rende pi 'protetti'. Marcello il Signore dei "10" Passatori da 100 km!! E Sirkka, anche se iscritta ad altro team, la sua incredibile, e snodata, consorte. La Signora di PisaMarathon per intenderci. Sia quando si deve essere trovato da solo che tutto trafelato a fare 30 o 40 cartellini all'ultimo minuto. E' successo pure questo ... spesso direi.

Partecipazione. Trovarsi in 40 alle Tre Province o in 94 al corso di running o in 28 al corso di nuoto nulla rispetto alle 59 aquile rosse iscritte alla mezza maratona di Pisa del 12 ottobre (con 40 non competitivi) ed alle 65 iscritte a PisaMarathon (12 alla maratona e 53 alla mezza) oltre ai 45 volontari nei tre giorni tra expo e servizi a terra della domenica. Bella la foto con 72 aquile rosse sulle scalette della gradinata dell'ippodromo di San Rossore (mentre altre 20 facevano la fila per entrare dentro il parco e parcheggiare) per un effetto cromatico di livello che stata pi volte riportata sui quotidiani locali.

Triathlon. E' stato l'anno dei tanti esordienti (sprint, olimpico ed anche 70.30): Massimo, Giovanni, Paola, Mauro, Raffaele, Mirco, Matteo, Viviana, Isabella, etc.). Resterammo impresse nella memoria collettiva le foto della spedizione elbana a giugno ma anche quelle di Forte dei Marmi ed ElbaMan a settembre dove Graziano (sulla distanza lunga) ha compiuto una vera e propria impresa ma anche Paola, da folle, ha compiuto la sua impresa nel medio. Tutto questo grazie agli allenamenti running, al corso di nuoto fino alle arrancabike, sempre attenti ai principianti e con i tratti distintivi del team e della citt addosso. Un bravo al nostro Beppe ed ai tecnici. Una nuova stagione gi alle porte, e con essa nuovi esordi e nuove avventure ('Road to Elbaman 2015' e non solo).

Trail running. Se il Triathlon in pratica 'esploso', il trail lo stato ancor di pi. Bravi Francesco e Sergio prima di tutto a creare occasioni come il Vertical Faeta e l'edizione zero del Trail dei Monti Pisani ma ancor pi bravi nell'appassionare cos tante persone mettendosi a loro disposizione facendo molti passi indietro ma esponendo mediaticamente (su facebook prima di tutto) che certe cose si possono fare. Con allenamento e costanza, e nel tempo, ma sono alla portata di tutti. Non subito per. Ma la strada stata intrapresa e dopo di loro sono venuti Simone, Mario, Alessio, Enrico e le donne (Chiara, Letizia, Valentina, etc.). Tutte assemblato in nome degli eventi (i 'nostri' eventi) del prossimo anno: l'8 febbraio col Vertical Faeta e soprattutto il 15 marzo con il 1 Trail dei Monti Pisani sulle distanze di 27 e 44 km (e 3000 metri di dislivello). Come gi citato prima, poi impossibile non ricordare l'impresa del secondo pisano 'gigante', aquila pure lui: Giulio Fascetti.

Progetti medici. Con lo staff di Lorenza Pratali, presso il CNR di Pisa, abbiamo contribuito non solo ad arruolare 100 podisti e podiste, di vario livello, per la ricerca sull'efficacia della MindFullNess nel running, ma abbiamo contribuito a costruire i protocolli. Molte sono le aquile selezionate (nel 50% della campionatura) e che adottano la meditazione nella corsa. Vedremo poi i risultati tra un anno. Ricordiamoci poi che nel team non annoveriamo solo grandi musicisti, commercialisti, notai, imprenditori, etc. ma anche cardiologhe, ortopedici, podologi, posturologi e medici sportivi.

Potremmo continuare, ma rischiamo di essere prolissi o di esagerare con le autocelebrazioni (che gi sono tante) a fianco delle quali bisogna registrare qualche uscita, dolorosa ma normale in un team come questo (e con questi numeri). Ma possiamo ricordare perlomeno le arrancate giunte al terzo anno (ed all'edizione 100 con 100 persone) disegnate e pluripartecipate dai nostri? E della sezione canina del team in risposta ad una nascente polemica alle Piagge con la costituzione dei Pisa Dog Runners con le prime canine Polly e Winona come pioniere? Fino alla splendida gita alla Cortina-Dobbiaco 30km in splendidi scenari.
2014: alcune immagini significative
Contatti
prova 1
I campi in grassetto sono obbligatori.
leggi l'accettazione privacy  obbligatorio


digita i codici di sicurezza, se più di uno separati da uno spazio

Pisa Road Runners club A.S.D.
Via Renato Fucini 49 - Pisa (Pisa)
P.I. 02050770508
info@pisarrc.it
IBAN IT 61 W 05232 14001 0000 3018 4436