24 Settembre 2020

ElbaMan 73 di Valerio Savino

26-09-2016 17:52 - Triathlon, Bike, Duathlon, Aquathlon, Nuoto per Tri, etc
I preamboli son quelli alla Enrico Capraia Marchetti.
#astaccibene, #nonsimollauncazzo

Quelle cazzate sportive/radical chic con cui lui giustifica e condisce la sua fisiologica e autolesionistica necessità avventuriero/sportiva
aturalistica.
Mi ha prestato i suoi preamboli: non è proprio questa impresa epica, ma più o meno ci stanno.
Elbaman73 - Marina di Campo (Li) 25/9/2016.
E´ un triathlon, lo definiscono medio.
Si nuota per 1900 metri, si pedala per 94 km e si corre per 21.
Lo scenario è da urlo, il meteo è favoloso, l´organizzazione di livello.
#cisostatobene e #nonhomollatouncazzo

Si parte da Pisa il venerdi sera dopo il lavoro, mi accompagna Francesca, di qui in avanti Pipino e il compagno di merende Matteo, di qui in avanti Brioshone (con consorte).
Cena a Marina di Campo con l´amico Gigi e passeggiata sgranchente.

La mattina del sabato ritiro pettorale e direzione Cavoli.
Per il non mollare un cazzo vedremo in gara, ma sullo stacci bene voglio partì per tempo.
Giornata perfetta: spiaggia, mare, Pipino, panino e birretta.
Momento topico con vecchio con costume lasco che, steso in posizione fetale, ci mostra orgogliosamente un coglione (e, per coglione, intendo proprio la parte anatomica).

Di pomeriggio c´è da sistemare bici e casco in zona cambio. Nel tragitto da e per l´hotel ne approfitto per verificare che la bici funzioni e per fare una corsetta per sciogliere le gambe.
La sera a cena Brioshone da il meglio di se con un carboload degno della casa di Locullo: praticamente due pizze e quasi due piatti di pasta. La povera stella voleva anche il dolcino, ma siamo riusciti ad impedirglielo.
4 Passi sul lungomare e nanna, domani ci s´ha da fa´.

Una notte travagliata con sveglia alle 5.45 per essere alle 6.30 in zona cambio.
E´ buio, fa freddo. Ma chi me l´ha fatto fare...

Mi trovo con Brioshone e insieme, a piedi, andiamo verso il centro.
Tremo, non ho fatto colazione. E mi scappa la c@cc@.
Mi infilo nell´unico bar aperto, prendo l´acqua per riempire le borracce e un bel cornetto alla marmellata. E´ tardi, lo ingoio praticamente intero e corro in zona cambio. Che mi scappa la c@cc@ lo avevo detto?!?
Sistemo le mie cose: casco, pettorale, gel con barrette varie (grazie Brioshone per il prestito-ndr).
Alle 7 parte la gara full (questi si che sono rintronati veri: 3.8km swim - 180 km bike - 42 km run).
Sono quasi le 7, va vista. Il sole sorge dritto davanti a noi/loro. La prima luce rossiccia compare da dietro il monte e si espande sul golfo. E´ una roba davvero bellissima. Io tremo.
Sono un po´ nervoso, un bel po´ nervoso. Quella boa è...maremma maiala com´è lontana quella boa. Arriva Gigi, mi guarda:" un ci pensà...". Deh, non ci penserò. Però deh.
Vado a lasciare lo zaino al deposito e a cominciare i preparativi. Torno al bar, chiedo del bagno, poi mi giro e vedo la fila. Ok, ho visto: non sono solo a c@c@ssi addosso. Da una parte ne sono lieto, dall´altra parte movetevi deh!
Mi metto la muta nella veranda del bar e mi avvio verso la spiaggia.
Il sole si è alzato, la temperatura è salita di un bel po´, ma io tremo sempre. I primi atleti, partiti alle 7, dopo 57-58 minuti erano già usciti dall´acqua dopo i 3.8km di nuoto....che bestie!!

Arrivo sulla spiaggia, mi ricongiungo a Brioshone e Gigi, faccio una mini nuotata. L´acqua è bagnata, le braccia ruotano, tutto sembra essere come dovrebbe. Tranne quella boa, quella maledetta boa mi sembra sempre parecchio lontana. Gigi mi guarda di nuono: "non ci pensà". Deh.
Via, non ci penso, però è il caso di andare a fare la spunta e piazzarsi al nastro di partenza, i giudici fischiano già da un po´.
Qualche minuto e si parte. Il sole è alto, il mare è lì davanti, ma io non lo vedo. Sono dietro e lo sguardo si posa sulla schiena di quello che mi è davanti.
Ci danno il via: i primi corrono, quelli dietro camminano, io, io speriamo che me la cavo.
I primi metri si camminano e poi testa dritta e andare. Prendo il mio ritmo senza forzare. Qualche pedata la piglio, qualcuna la do. Il nuoto è il mio tallone d´achille, quindi non ho pretese, se non quella di non affogare. Qualche problemino agli occhialini ma, tra una lacrima e un lamento, si esce dall´acqua. Sono verso il fondo del gruppone, ma neanche troppo in fondo. Bevo un sorso d´acqua e corricchio verso la zona cambio. Prendo la bici e parto. Inizio subito a recuperare posizioni e ll´altezza del Colle della Palombaia vedo uno con la handbike (bicicletta con pedalata da braccia come quella di Zanardi, per intenderci). Lo guardo, mi guarda. "#nonsimollauncazzo", gli faccio. "mai", mi risponde. Spettacolo. Lo lascio indietro e cerco la mia cadenza. C´ho qualche dubbio di durata in bici e qualcuno di durata nella corsa; c´ho qualche dubbio, via. Seguendo il consiglio del coach (grazie Nico-ndr) mangio barrette come noccioline. Il percorso è meraviglioso, il clima è ideale. Il mare alla sinistra, con le isole in lontananza, è quasi un quadro. Non sono un esperto d´arte, ma penso di poter dire che l´autore ha fatto un discreto lavoro. La strada segue sinuosa il fianco dell´isola e si inerpica fino a Marciana. Da lì, salite e discese continuano a susseguirsi senza soluzione di continuità fino Procchio dove un drittone ci riporta a Marina di Campo. E´ uno spettacolo vero.
Cerco Pipino, non la trovo. Eppure deve essere lì. La vedo. E´ bella!! Mi sento rinfrancato, non so perché, adesso sto bene. Si riparte per un altro giro sul percorso appena fatto.
Il ritmo rimane costante siamo al 70° km.

A Marciana sento una strana sensazione alle gambe, mi faccio dare una banana al volo e la mangio; ho paura che possano venire i crampi. In realtà, poi, la condizione sembra rimanere buona e tengo il passo, specialmente in salita. Arrivo a Marina di Campo dopo 3h29´ ho recuperato un bel po´ di posizioni, ma tante sono quelle che ho davanti. Si parte per quella che è la mia frazione di punta. Prima di lasciare la bici bevo un sorso e recupero due gel. Il ritmo di corsa è buono, mi ero prefissato di stare intorno ai 4´30" a km, invece riesco ad andare anche di più. Le gambe girano e sto bene. Intorno al 4* km mi sento chiamare: Brioshone è inaspettatamente non troppo distante: grande!!! Recupero ancora diverse posizioni. Parlo con Alessandra (Reati, 3° assoluta), la incito, la prima era li a non molta distanza. Parlo con Fabio (compagno di Alessandra) , lui è in sofferenza per la corsa, ma non sembra aver nessuna intenzione di mollare. Sono 3 giri da 7 km. Passando una prima volta vicino alla zona arrivo vedo Pipino con Romina (futura moglie di Brioshone) che mi aspetta. Mi da il 5, le dico: "Pipino, non ti preoccupare 14km e ho finito, così ti porto via". Sta cosa ha fatto ridere tutti, boh, chissà perché. Altro giro, incrocio Gigi, anche lui alla frutta. E´ vecchio lui, ma anche lui è uno di quelli che non molla. Passo di nuovo in zona arrivo" Pipino, butta la pasta che arrivo!".
Al 17/18° km arriva la fame. Ai ristori mi faccio dare sempre la coca cola, sperando che zuccheri e caffeina facciano il loro compito.
Calo un po´, ma il più era fatto. Arrivo, lo speaker dice il mio nome, una ragazza mi rincorre per darmi la medaglia.
Vedo Pipino, mi bacia.
Chiudo la mezza maratona in 1h32´56", con il 17° tempo di frazione.
Sai che? Ma io sono proprio contento.
Alla fine la classifica dice 78° in assoluto in 5h48´04".
Gigi e Brioshone (crampi sin dal 7° km della corsa) chiuderanno poco sopra le 6h10´. Bravi!
Insomma oh, Elbaman top!
Da rifare, sicuramente.

#cisonostatobene #nonhomollatouncazzo




Fonte: Valerio Savino



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio