25 Giugno 2024
News

PisaMarathon (La Pisanina 21k): da quel maledetto 29 agosto all´arrivo.

20-12-2017 17:46 - Eventi a cui partecipiamo
Quarantotto ore. Due giorni. Questo è quello che è passato da Pisa Marathon 2017.
E´ stata la solita sbornia di gente, sorrisi ed emozioni.
Quest´anno le sensazioni sono diverse, ovattate, amplificate.
Non tutte positive, ovviamente, ma questo non ci interessa.
La partenza (disambiguazione) potrebbe essere Domenica 17 Dicembre 2017, in Via Bonanno Pisano, al nastro di partenza di Pisa Marathon. Invece la partenza sarà il 29 di Agosto; tre mesi e diciassette giorni prima.
La capriola in bicicletta, il mio fianco che sbatte fortissimo contro quel maledetto palo della luce, il primo dolore, l´adrenalina, il secondo dolore, l´ambulanza, il pronto soccorso, codice giallo, codice rosso, emorragia, compromesso, trasfusione, aspettare, decidere, operare. Dolore, ma non quello fisico, per quello una bella fialetta di morfina nella flebo e fai colazione coi mini pony. Pipino, la mia mamma, il mio babbo, mio fratello -che si fionda a Pisa da Berlino quasi mollando il lavoro; tutti al mio capezzale nel reparto di terapia intensiva cercando di alleggerirlo il più possibile.
Giorni pesanti, più per loro che per me.
L´operazione è andata bene, il recupero è inaspettatamente veloce. Il fisico sano e allenato aiuta non poco.
Qualche postumo, la febbriciattola e di nuovo un ricovero: polmonite da ventilatore.
Ancora vite sballate, orari cadenzati con la vita ospedaliera, ancora tristezza.
Messaggi di auguri mi arrivano un po´ da ogni dove, internet avvicina un po´ tutti e ci aiuta in tal senso.
Qualcuno passa a trovarmi, qualcuno sarebbe voluto passare, qualcuno se n´è fregato.
6 Ottobre, dimissioni.
La polmonite sembra passata, io mi sento decisamente meglio. Mi porto dietro qualche postumo e più spazio nel torace. Ultimo controllo 21 giorni dopo: tutto ok, posso tornare a vivere.

Ora si che siamo alla partenza. E´ il 17 Dicembre, oggi si corre Pisa Marathon.
Decide di correre anche Pipino, nonostante nel suo lavoro, in questo periodo, le costanti siano incazzature e stress. Sono un po´ preoccupato: dopo la corsa va anche a farsi il suo turno lavorativo, e per lei che arregge l´anima coi denti a cosa normali, ho paura possa essere una richiesta eccessiva al suo fisico.
Poi ci sono io; mi sono allenato per come ho potuto, con giorni positivi e giorni meno, conscio che qualsiasi risultato sarebbe stato un successo. Non c´ho ansia, ma quella tremarella mista tra freddo ed emozione l´ho addosso, l´ho dentro. Decido di andare prima in hotel per lasciare gli zaini (mio e di Pipino) per la doccia e poi fare un po´ di riscaldamento. Faccio tardi, quindi l´unico riscaldamento sarà la corsa tra Piazza Arcivescovado e la partenza. Lì sono già tutti schierati. Un bel colpo d´occhio tra colori sgargianti e mise discutibili. Non so bene cosa io possa rendere in una corsa di 21 km, come obbiettivo mi fisso di stare insieme ai palloncini di un´ora e trenta dell´amico Filippo. Il problema è che i palloncini saranno sicuramente avanti, visto che io sono nella pancia del gruppone, e non posso muovermi in nessuna direzione. Intorno a me ci sono diversi iscritti alla corsa non competitiva e li, la certezza di trovare sti benedetti palloncini un po´ la perdo. La nota positiva è che l´attesa è breve. Lo speaker ci fa alzare le mani e, nonostante la Pisa di questi ultimi periodi, non lo fa per rapinarci...
Non faccio in tempo a rendermi conto di quello che succedeva che sento lo sparo del via e il serpentone comincia a muoversi. Decido di forzare il primo km per vedere di trovare Filippo, se non dovessi riuscire, andrei da solo. Pochi metri dopo trovo l´amico Massimo (Scacco-ndr) che sta esplorando nuove frontiere della bestemmia. Qualcuno gli ha sfilato una scarpa in partenza costringendolo a fermarsi a bordo strada per recuperare l´assetto. Lui, partecipante alla Maratona, mi aveva parlato di tenere un ritmo simile al mio, ma, subito dopo essersi rimesso la scarpa e senza mai aver smesso di bestemmiare, riparte a spron battuto guadagnando su di me diversi metri. Cerco di urlargli di calmarsi e di non forzare subito perché quarantadue km hanno la coda, ma lui non mi sente neanche (non lo rivedrò mai più, amici in comune mi dicono che sta ancora bestemmiando-ndr).
Dopo 6/700 metri vedo i palloncini di Filippo, o meglio, il palloncino di Filippo. Saluto, mi faccio riconoscere e gli chiedo come mai fosse solo. Mi dice che gli altri due Pacers sono rimasti intruppati alla partenza e sono indietro. Sul ritmo gara "stabilito" siamo leggermente più lenti, gli dico di non "ammazzarmi" subito per rimetterci in carreggiata, ma di limare piano piano. Così facciamo. Si forma un gruppetto di una ventina di atleti. Pippo davanti e didietro tutti quanti.
Filippo è un cavallo di razza e va un po´ frenato, prendo io questo compito cercando di mantenere il ritmo costante per evitare di mettere in difficoltà quelli con un po´ meno gamba.
Giro dei lungarni (oh, metteteci un toppino, ma a me mi garba-ndr), Porta a Mare; qui abbiamo recuperato il ritardo e ci mettiamo 1-2 secondi più veloci del ritmo stabilito. Si prende via Livornese, e a La Vettola recuperiamo i Pacer per tre ore della maratona, loro vanno un po´ a strappi quindi mi raccomando a Filippo di controllarli ed, eventualmente, lasciarli andare. Siamo sempre in diversi, c´è anche una nefrologa milanese; organizzazione Pisa Marathon al top, c´ho anche il medico specializzato per la mia patologia.
Tante facce note lungo la via (e anche dai terrazzi!), ognuno ha una parola o un sorriso per me. Grazie veramente a tutti, di cuore.
Reggo bene, sia di fiato che di gambe. L´acqua che mi sono portato mi consente di non fermarmi ai ristori. Decido che al km 15, avrei accelerato un po´ per vedere a che punto potevo arrivare. Mi raccomando con Filippo di non farsi prendere dalle fregole agonistiche e aumento. Il ritmo si alza, il fiato si accorcia. E´ un passo discreto. Faccio qualche sorpasso, ormai siamo di nuovo a Porta a Mare. Due si mettono al gancio e si fanno tirare. Sono in affanno, ma ancora spingo benino. In via Conte Fazio un signore imbacuccato in uno shearling viene verso di me in bicicletta. "Boia, quello lì sembra il mio babbo"; "Cazzo, ma quello è il mio babbo!" come un deficiente mi ritrovo con gli occhi gonfi di lacrime, senza un motivo reale. Mi pare che non mi abbia visto: "Babbo!, sono qui, gira, accompagnami all´arrivo che non ce la faccio più". Si mette accanto a me, mi parla anche se non riesco ad essere particolarmente loquace: un po´ di fatica e un po´ questo groppo in gola che m´era preso, cane delle berve, sto proprio rincoglionendo.
Qualcuno mi incita alla Cittadella, ricambio subito, ma, onestamente, non ci stavo capendo più una sega.
Scopro solo dopo che era il Guerrini in veste di fotografo. Arriviamo in Piazza Solferino, ci sono Chiara e Letizia, quando mi vedono si sgolano e si sbracciano. Prendo via Roma, il mio babbo è sempre accanto a me, comincio a sentire i rumori dell´arrivo. Arriviamo quasi alla fine, mi lascia da solo, girando in via Galli Tassi per evitare di entrare in zona proibita e fare incazzare Sergio e Simone. Poco prima della curva ci sono i genitori di Francesca: il Babbo mi da il cinque, c´ha un sorriso a 36 denti. Io non lo so, c´ho sempre sto groppo. Ancora qualche metro, sulla curva c´è la mia Mamma, mi sorride:" Vai Vale!" e giù lacrime. Guardo la torre, ormai sono arrivato. La gente mi applaude, alzo le braccia. A questo giro ho stravinto. C´ho gli occhi gonfi di lacrime, Valentina mi abbraccia e mi da la medaglia, io piango. Arriva il Maestro Di Ciolo (mica pizza e fichi eh-ndr), mi infagotta nel telo termico, mi abbraccia anche lui. Ricevo mille complimenti, faccio di tutto per non piangere, fortunatamente ci riesco. Io che sono notoriamente una merda non potrei permettermi di dare un immagine di me così melensa.
Lascio il chip e corro in hotel a fare la doccia. Di li a poco sarebbe arrivata Pipino, non posso perdermi il suo arrivo (altrimenti chi la vuole sentire...). Mi piazzo sulla curva e aspetto. Pochi minuti dopo arriva scortata a Antonio Salsedo, che l´ha accompagnata per tutto il viaggio. Non è neanche stravolta, ma io si: mi riviene le lacrime un´altra volta.
Ora basta eh!
Vado a prenderla all´uscita della zona arrivo, sono orgogliosissimo.
Scopro che Francesco ha vinto, un altro groppo mi stringe, sono troppo contento, e di nuovo una lacrimuccia mi si presenta.
Andiamo in hotel, Francesco era lì, aveva fatto la doccia. Apro la porta, senza proferire parola ci abbracciamo.

Via, basta, mi viene una lacrimuccia. Maledetto vecchio rincoglionito che non sono altro.



Fonte: Valerio Savino



POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE

Titolare e responsabile del trattamento dei dati

Il Titolare del trattamento è La Pisa Road Runners Club ASD (di seguito PRRC) in persona del suo legale rappresentante pro tempore con sede legale c/o Studio Commerciale Cambi Toscano - Via Renato Fucini 49 - 56100 Pisa (PI) - P.I. 02050770508

Rispetto della Privacy

La PRRC rispetta la privacy dei propri utenti e si impegna a proteggere i dati personali che gli stessi gli conferiscono. In generale, l’utente può navigare sul sito web dell’Istituto senza fornire alcun tipo di informazione personale. La raccolta e il trattamento dei dati personali avvengono, se necessario, in relazione all’esecuzione di servizi richiesti dall’utente, o quando l’utente stesso decide di comunicarlo; in tali circostanze la presente politica della privacy illustra le modalità e i caratteri di raccolta e trattamento dei dati personali dell’utente.

La PRRC tratta i dati personali forniti in conformità alla normativa vigente.

Raccolta di Dati Personali

Per “dati personali” s’intende qualsiasi informazione che possa essere impegnata per identificare un individuo, una società o altro ente. A titolo puramente esemplificativo e non esaustivo viene raccolto ad esempio il nome e il cognome, l’indirizzo di posta elettronica [e-mail], l’indirizzo, un recapito postale o altro recapito di carattere fisico, la qualifica, la data di nascita, il genere, il lavoro, l’attività commerciale, gli interessi personali e le altre informazioni necessarie per la prestazione dei servizi richiesti e per contattare l’utente.

Dati di navigazione

La navigazione sul sito può avvenire in forma anonima.

Per la navigazione in aree riservate l’utente avrà la possibilità di salvare le proprie credenziali (identificativo assegnato dall’amministratore del sistema con cui è avvenuta la registrazione e la password inviata all’indirizzo e-mail del richiedente della quale l’amministratore del sito non è a conoscenza).

A tal proposito si precisa che la scuola non compie operazioni di raccolta dati dell’utente con modalità automatiche, incluso l’indirizzo di posta elettronica [email].

La PRRC nel rispetto della normativa vigente in tema di tutela di dati personali, al solo fine di avere contezza dell’area visitata e della durata della visita stessa, può registrare l’indirizzo IP dell’utente (Internet Protocol, vale a dire l’indirizzo Internet del computer dell’utente). In questo caso i dati verranno utilizzati esclusivamente per ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e controllarne il corretto funzionamento e verranno cancellati immediatamente dopo l’operazione. I dati, tuttavia, possono essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità nell’ipotesi di reati informatici ai danni del sito; ciò, ad eccezione dei casi in cui si tratti di un utente registrato che abbia ricevuto la preventiva informativa e che abbia prestato il proprio consenso al trattamento, avverrà comunque senza mettere in relazione l’indirizzo IP dell’utente con altre informazioni personali relative allo stesso. Come molti altri siti web aventi carattere e contenuto indirizzato ai servizi, il sito della scuola può impiegare una tecnologia standard chiamata “cookie” per raccogliere informazioni sulle modalità di uso del sito da parte dell’utente. Per ulteriori informazioni, l’utente è invitato a consultare la sezione “Cookies”.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’Istituto, per consentire l’accesso alle aree riservate, raccoglie i dati personali dell’utente in occasione della sua registrazione e, al fine di attivare un account, assegna un CODICE UTENTE e una password, necessari per usufruire di determinati prodotti o servizi offerti dalla scuola. In particolare la registrazione è necessaria per partecipare al forum, per usufruire di chat, per inviare messaggi ad altri iscritti, per inserire commenti alle notizie, quando l’utente chieda di ricevere determinate e-mail, di essere inserito in una mailing-list o quando l’utente, per qualsiasi altra ragione, comunica i propri dati alla scuola. Quest’ultima usa tali informazioni solamente ove le stesse siano state legittimamente raccolte in conformità alla presente Policy e nel rispetto della normativa vigente. Si ribadisce che alcuni servizi web del sito prevedono l’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica; ciò comporta acquisizione dell’indirizzo del mittente (necessario per rispondere alle richieste) e degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi (disclaimer) possono essere visualizzate con apposito link nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta (come la pagina contatti). E’ inoltre indicato il trattamento di dati sensibili o giudiziari forniti dall’utente nel corpo della mail.

Comunicazione di Dati Personali

In caso di raccolta di dati personali, la PRRC informerà l’utente sulle finalità della raccolta al momento della stessa e, ove necessario, richiederà il consenso dell’utente. La scuola, salvo quanto di seguito previsto nella Sezione “Ambito di Comunicazione e Diffusione di Dati Personali”, non comunicherà i dati personali dell’utente a terzi senza espresso consenso. Se l’utente decide di fornire alla scuola i propri dati personali, gli stessi potranno essere comunicarli all’interno dell’Istituto o a terzi che prestano servizi alla scuola, ovviamente nel rispetto delle vigenti disposizioni (si veda a tal proposito informativa privacy pubblicata sul sito). la PRRC invierà all’utente eventuale materiale relativo ad attività di informazione e a ricerche di mercato solo dopo averlo informato e averne ottenuto il consenso.

Cookies

Un cookie è un piccolo file di testo che alcuni siti web inviano all’hard drive dell’utente in occasione della visita al sito. Un cookie può contenere informazioni quali un ID dell’utente che il sito usa per controllare le pagine visitate; si precisa, tuttavia, che le uniche informazioni di carattere personale che un cookie può contenere sono quelle fornite dall’utente stesso. Un cookie non può leggere i dati presenti sull’hard disk dell’utente o leggere i cookies creati da altri siti. Alcune aree del sito dell’Istituto impiegano cookies per registrare le modalità di navigazione degli utenti sul sito. L’Istituto si serve di cookies per determinare il grado di utilità delle informazioni che fornisce ai propri utenti e per verificare l’efficacia della struttura di navigazione del sito in relazione al supporto di aiuto offerto all’utente per ottenere quell’informazione. Se l’utente non desidera ricevere cookies durante la navigazione sul sito, può programmare il proprio browser in modo da essere avvertito prima di accettare cookies e rifiutarli quando il browser avvisa della loro presenza. L’utente può anche rifiutare tutti i cookies disattivandoli nel proprio browser, anche se in tal modo non sarebbe poi in grado di sfruttare in pieno i servizi del sito. In particolare, all’utente potrebbe essere chiesto di accettare cookies al fine di compiere determinate operazioni. Tuttavia, non è necessario che l’utente accetti tutti i cookies per usare/navigare in molte aree del sito, salvo il caso in cui, per l’accesso a specifiche pagine web, siano necessari la registrazione e una password.

Finalità e Modalità di trattamento dei Dati Raccolti

la PRRC tratta i dati personali dell’utente per le seguenti finalità di carattere generale: per soddisfare le richieste a specifici prodotti o servizi, per personalizzare la visita al sito, per aggiornare l’utente in relazione ai servizi della scuola o ad altre informazioni di suo interesse (provenienti direttamente dell’Istituto o dai suoi partners), per comprendere meglio i bisogni dell’utente e offrire allo stesso servizi migliori. Il trattamento di dati personali da parte dell’Istituto per le finalità sopra specificate avviene in conformità alla normativa vigente in materia di privacy.

Ambito di comunicazione e diffusione di dati personali

I dati personali non vengono comunicati al di fuori della realtà dell’Istituto senza il consenso dell’interessato, salvo quanto in seguito specificato. Nell’ambito dell’organizzazione della scuola, i dati sono conservati in server controllati cui è consentito un accesso limitato in conformità alla normativa vigente. la PRRC può comunicare i dati personali dell’utente a terzi in uno dei seguenti casi: quando l’interessato abbia prestato il proprio consenso alla comunicazione; quando la comunicazione sia necessaria per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente; quando la comunicazione sia necessaria in relazione a terzi che lavorano per conto dell’Istituto per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente (la scuola comunicherà a questi ultimi solo le informazioni che si rendono necessarie in relazione alla prestazione del servizio, senza che i dati possano essere trattati per finalità diverse); per fornire le informazioni necessarie e relative all’Istituto stesso, nonché agli altri enti ad esso collegati (in qualsiasi momento l’utente potrà richiedere di non ricevere più tale tipo di comunicazioni). la PRRC inoltre divulgherà i dati personali dell’utente nel caso in cui ciò sia richiesto dalla legge.

Diritti dell’utente; User Account

Se l’utente è registrato, per richiedere la cancellazione del proprio account o qualsiasi altro proprio dato personale deve inviare una mail al responsabile della gestione/aggiornamento del sito.

Sicurezza dei dati

Le informazioni dell’account sono protette da una password per garantire la riservatezza e la sicurezza dell’utente. la PRRC adotta tutte le misure di sicurezza e le procedure fisiche, elettroniche e organizzative richieste dalla normativa vigente. Anche se la scuola fa quanto ragionevolmente possibile per proteggere i dati personali dell’utente, la stessa non può garantire la completa totale sicurezza dei dati personali dell’utente durante la comunicazione. A tal proposito la PRRC invita l’utente ad adottare tutte le misure precauzionali per proteggere i propri dati personali quando naviga su Internet. L’utente, ad esempio, è invitato a cambiare spesso la propria password (che preferibilmente dovrà essere composta da una combinazione di lettere e numeri) e ad assicurarsi di fare uso di un browser sicuro.

Minori e privacy

Il sito web della PRRC è pensato per un utilizzo anche da parte di minori di 18 anni in quanto presenta contenuti puramente didattici e culturali. Quindi la scuola, in fase di iscrizione al sito, non richiede la maggiore età dell’utente.

Siti di terzi

Il sito web dell’Istituto può contenere links ad altri siti. La scuola non condivide i dati personali dell’utente con questi siti e non è responsabile delle pratiche degli stessi in relazione alla tutela e al trattamento di dati personali. La PRRC invita l’utente a prendere visione della politica della privacy di tali siti per conoscerne le modalità di trattamento e raccolta dei dati personali.

Modifiche della politica della privacy

La PRRC in relazione all’evoluzione della normativa, potrà modificare la presente policy della privacy, dandone adeguata comunicazione attraverso la pubblicazione sul sito.
Informativa privacy aggiornata il 22/12/2022 11:50
torna indietro leggi POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
 obbligatorio
generic image refresh


Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie