02 Giugno 2020

VERTICAL FAETA Amore a prima vista

12-01-2014 11:31 - Trail dei Monti Pisani e Vertical Faeta
Percorro il viale dei condotti con 2 ore di sonno accumulate nelle ultime 24 e coi doloretti ai quadricipiti femorali dovuti alle ripetute di ieri sulle salite delle "capanne".
Il pensiero è chiaro: Ma chi me lo fa fare?
Poi la strada finisce e lo slargo degli impianti sportivi di Asciano, brulica di magliette colorate.
Volti nuovi, facce conosciute, un macello di gente. Saluti, sfottò, strette di mano. Cancellata ogni fatica. Vertical Faeta, l´appeal era forte, ma la realtà supera la fantasia e siamo in tanti, tantissimi. Riconosco scalatori, sci-alpinisti, runner, iron man e anche le ragazze, sono di quelle toste, gente avvezza alle rocce e alle pelli di foca.
Partiamo: il riscaldamento è già competizione e il percorso per scaldare le giunture ( per gli amanti dei tracciati a beep di cane...questa volta ci siamo davvero...) è una cosa meravigliosa. Poi, sosta in paese per lo start e l´inizio della gara. Tra i molti, molte aquile: Comassi e Bellinvia, Lorenza Pratali, Matteo Vanni, il Ferrisi, Marco Boccio, Io. Pronti via ed è subito selezione; Cisternino, svolta a sinistra sul ponte e giù moccoli per la fatica. Primi rallentamenti, primi sorpassi. La chiesa di Mirteto con tutto il complesso monumentale ci incanta e, gara o non gara, ci fermiamo a foteggiare. Se l´impervia via dei monaci neri ci aveva impressionati, il bello doveva venire e la direttissima la Vertical verso il Faeta, ci irretisce e ci incanta. Silenzio, fatica, sudore, cortesi accostamenti sul sentiero stretto come una lama per far passare quello che ha più birra. Ansiamiamo, carponi, aggrappati ai rami e ai tronchi che per fortuna ci fanno da corrimano naturale. Salita, salita, solo salita. Ogni calcolo spazio temporale è annullato, corriamo da un secolo, ma il Garmin non è d´accordo e segnala incrementi chilometrici minimali... si va in verticale. Bivio, cartellino giallo con scritto VERTICAL, alzo gli occhi: gli alberi si diradano, è fatta mi dico... E invece parte l´ultimo chilometro, massacrante silenzioso, impervio, ma una voce conosciuta arriva da lontano. Chiama tutti per nome, stimola, da forza, incita e spinge tutti verso il casottino fatidico, quello verde con la scritta CINGHIALI CE N´E´?
Arrivati, sorrisi,, volti stremati, fa caldo o sembra caldo, è gennaio ma sono in canottiera e vai con le pacche i "cinque" e i sorsi d´acqua. I primi si stanno freddando ed ecco il Marione Comassi che non ti aspetti. Si va, giù per la discesa, ci accompagna per sentieri sconosciuti, ci indirizza verso valle fino a mezza costa e poi cilascia. Lui, il Marione, risale verso il Bellinvia, che c´è da portare a valle il resto della truppa. Ci salutiamo e restiamo in quattro, quattro aquile festanti, ma anche silenziose, perché si corre come mai avremmo pensato di fare dopo quell´ascesa verticale. E poi di nuovo Mirteto e poi il piano e il Matteo Vanni che apre una bottiglia di prosecco e festeggia gli anni con amici sudati ed infangati.
Vertical Faeta, per molti, forse non per tutti, a meno che non si disponga di una buona preparazione ed una gande dose di motivazione, ma è stato Amore. Da lassù, la nostra Pisa e i mille caseggiati, come conchiglie sparse ed i paesi a far da corona di pietre preziose alla città che portiamo stampata sui giubbini fashion, ma soprattutto, nel cuore.
A Mario e Francesco, il mio personale ringraziamento e l´augurio che la voglia di fare, li porti e ci porti presto a sudare nuovamente sui nostri monti, patrimonio inesplorato e senza pari.


Fonte: Sergio Costanzo



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account