02 Marzo 2024

Triathlon Olimpico Versilia. "Mangio Troppa Cioccolata!". Il racconto di Francesco.

MANGIO TROPPA CIOCCOLATA

“Tra gli amici e l’atmosfera… mangio troppa cioccolata… io che in ogni cosa che faccio ci metto l’anima…” (Un amore da favola – Giorgia – 1997)

Lo sport è la mia cioccolata, più ne pratico e più ne vorrei praticare, da solo o meglio tra gli amici che rendono più bella e completa l’atmosfera, io che amo lo sport eche in ogni cosa che faccio cerco di metterci l’anima. Il debutto nel Triathlon Olimpico della Versilia è stato la naturale conclusione di un percorso che negli ultimi mesi mi ha visto prendere parte a gare di swimrun, acquathlon, duathlon e triathlon sprint, mancava la ciliegina sulla torta, il battesimo definitivo nella Triplice. Che ovviamente è arrivato seguendo le orme, l’esempio, la strada maestra tracciata dalle campionesse e dai campioni della nostra squadra: Paola, Raffaella, Angela, Guia, Andrea, Valtere, il Presidente, Nicola, Marco e tanti altri ancora… Inoltre c’era stata la chiamata alle armi da parte di Andrea Maggini, dopo la disastrosa esperienza organizzativa dello sprint di Tirrenia di una settimana fa, e quando il Presidente chiama non puoi che rispondere Pres(id)ente! PRESENTE! La mia gara inizia all’alba delle sei, quando ancora il cielo è cupo e per non fare troppo rumore finisco di preparami seduto sul poggiolo di casa dove nel mentre che finisco di calzare le scarpe (non quelle da gara) due fasci di luce illuminano la strada di casa. Sono i fanali rinnovati della macchina di mia moglie con alla guida il mio primogenito che vedendomi sulle scale ingenuamente ha creduto che fossi lì ad aspettare il suo rientro, stile il suocero di Aldo Giovanni e Giacomo nel film “Tre uomini e una gamba”. Poi non so cosa abbia pensato vedendomi caricare borsa e bicicletta sulla mia macchina. Gli ho detto con lo sguardo e senza proferire verbo: “vai a dormire che è presto, papà ha ben altre cose a cui pensare, deve andare a conquistare il suo primo Olimpico”. Partenza e arrivo senza traffico alcuno a Marina di Pietrasanta dove, ritirato il pacco gara, addobbata bicicletta e casco, vengo assalito dall’ormai consueto mal di pancia. Per fortuna che nei pressi della zona cambio, raggiunta a piedi senza perdermi (ogni riferimento a cose o persone è del tutto non casuale) trovo ad accogliermi un leggero venticello, le prime luci dell’alba e non uno ma ben quattro efficientissimi bagni chimici. Me ne approprio di uno e vi lascio cadere dentro tutti i cattivi pensieri. Uscito dal tunnel del divertimento l’ansia comincia a farsi sentire riflessa nello sguardo di chi comincia a capire che il mare non è proprio accogliente ma non sarà evitabile. Qui l’organizzazione è certosina, perfezionabile ma decisamente un’altra cosa (in positivo) rispetto a quella disastrosa di una settimana prima a Tirrenia. Rivolgo anch’io lo sguardo verso il mare e comincio a pensare alla mia muta… Come reagirà? Così facendo e così pensando dimentico di cospargere le parti delicate (ascelle e giunture) di olio e così il bruciore dell’arsura si farà sentire durante la nuotata e anche dopo. Niente a confronto delle botte subite dagli altri contendenti nella prima parte della frazione di nuoto. Ho infatti la brutta idea di mettermi tra i primi a partire (vai avanti tu che a me vien da ridere, poi tu nasci nuotatore … nuotatore sì ma di acque clorose…) e così mi ritrovo coinvolto in una bolgia disumana di anime perse che rincorrono la prima boa. Laddove si assiste ad uno spettacolo simile a quello di una tonnara, il problema è che tra quei tonni che scalciano e sbracciano senza un perché e come se non ci fosse un domani, ci sono anche io… Lasciata la prima boa alla nostra destra, affrontiamo il tratto più lungo, qui le distanze con gli altri nuotatori si allargano, a parte uno che parte per la tangente e tagliandomi la strada si dirige verso il mare aperto. Non ti curar di loro ma guarda e passa… Così facendo raggiungo anche la seconda, la terza e la quarta boa ponendo fine a questa prima parte di gara. Camminando esco dall’acqua, non ci sono capitani né sirene ad attendermi ma solo gente che corre verso la T1 e comincia a spogliarsi delle mute che indossano. Procedo anche io alla tanto temuta svestizione e l’impresa mi riesce abbastanza velocemente (operazione comunque migliorabile) così parto per la seconda frazione e delicatamente salgo sulla mia bicicletta. Percorrere quaranta chilometri in gara non è come andare a fare la passeggiata domenicale da casa mia al nostro “Gange” di Tirrenia, me ne accorgo subito quando vengo superato da numerose bici professionali condotte da nuotatori ritardatari. Tra questi intravedo la sagoma di Andrea Canale (ma potrebbe essere stata una visione), per fortuna dopo un primo giro in quasi completa solitudine mi ritrovo agganciato ad un gruppo di quattro la cui andatura mi sembra accettabile fino a metà del terzo giro quando decidono di strappare e di lasciarmi sul posto. Le cosce fanno fatica a spingere e solo in questo momento capisco perché i miei compagni di viaggio stavano usando rapporti più agili. Scendo dalla bici e mi avvio nuovamente alla zona cambio per il T2. Cambio le scarpe, poso la bici, scambio il casco con il berretto (porta fortuna donatomi dal mio secondo genito) bevo del magnesio-potassio, parto con una barretta di cioccolata in mano. Mangio troppa cioccolata, riempio la bocca di un sapore amaro (si tratta di cioccolata extra fondente), per fortuna dopo pochi metri incontro quelle braccia che porgono bicchieri colmi di acqua fresca agli atleti, anzi ai triatleti. Sì perché mi ritrovo nell’ultima fase della triplice, i 10 km di corsa finali. Tre giri da percorrere con tanto di cavalcavia da fare ben 6 volte. Mentre lo affronto per la prima volta, con la stanchezza negli occhi mi tornano alla mente i consigli ricevuti durante l’ultima seduta del corso running dove appunto si era parlato della corsa in salita. Incrocio gli sguardi e la fatica di molti compagni di squadra. Ci scambiamo gesti di incoraggiamento, anche un sorriso o una smorfia possono essere di conforto e di aiuto. La corsa aiuta a distendere i muscoli e al secondo passaggio comincio a stare meglio per poi addirittura allungare la falcata nel terzo giro conclusivo dove mi trovo anche nella situazione di dover incoraggiare avversari che si erano arresi alla fatica e camminando si dirigevano verso l’arrivo. Dopo circa cinquantasette minuti di corsa (per niente agile né scattante) l’arrivo mi attende, lo speaker annuncia l’arrivo di Paola Grassini e di un altro atleta del Pisa Road Runner (sono io), ma nelle mie orecchie sento una voce che dice: “FRANCESCO FABBRI SEI OLIMPICO”. Ai pensieri, alla fantasia, alla fatica di questa entusiasmante esperienza si aggiungono due immagini: la prima ho la fortuna di vederla in presa diretta e raffigura ciò che rimane di Andrea, in ciabatte termali che, di ritorno da una meritata doccia fredda post gara, evidenziano una unghia nera (che non sono sicuro lo accompagnerà nel suo prossimo viaggio da maratoneta nella città della Grande Mela); la seconda la vedrò al mio ritorno a casa e ritrae la fenomenale Guia accolta, all’uscita dalla sua frazione nuoto, dal Comandante il quale forse non comprendendo lo spirito della gara la intratteneva non brevemente forse con l’intenzione di invitarla ad un immaginario ballo di fine gara, qualcuno lo ha definito un tentativo di abbordaggio 2.0. Infine, come non raccontare dei profumi della “pasta party” finale (ulteriore riprova di una organizzazione perfetta) al quale si è palesato un ospite indesiderato: un atleta invasato che ha rifiutato il premio pretendendo una medaglia al posto della prevista bottiglia di vino. Episodio poco elegante di cui avremmo fatto tutti a meno ma che non ha per niente intaccato la nostra felicità e la nostra soddisfazione per aver concluso l’Olimpico ed essere diventato a tutti gli effetti triatleta! Ma siccome come detto in principio “mangio troppa cioccolata” ho già fame di nuove avventure e a questo punto il passo successivo quale sarà? Per scoprirlo toccherà aspettare il prossimo reportage! Qui si è contribuito a scrivere una pagina di Storia alla quale sono orgoglioso nonché grato di aver potuto contribuire…

Fonte: Francesco Fabbri



POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE

Titolare e responsabile del trattamento dei dati

Il Titolare del trattamento è La Pisa Road Runners Club ASD (di seguito PRRC) in persona del suo legale rappresentante pro tempore con sede legale c/o Studio Commerciale Cambi Toscano - Via Renato Fucini 49 - 56100 Pisa (PI) - P.I. 02050770508

Rispetto della Privacy

La PRRC rispetta la privacy dei propri utenti e si impegna a proteggere i dati personali che gli stessi gli conferiscono. In generale, l’utente può navigare sul sito web dell’Istituto senza fornire alcun tipo di informazione personale. La raccolta e il trattamento dei dati personali avvengono, se necessario, in relazione all’esecuzione di servizi richiesti dall’utente, o quando l’utente stesso decide di comunicarlo; in tali circostanze la presente politica della privacy illustra le modalità e i caratteri di raccolta e trattamento dei dati personali dell’utente.

La PRRC tratta i dati personali forniti in conformità alla normativa vigente.

Raccolta di Dati Personali

Per “dati personali” s’intende qualsiasi informazione che possa essere impegnata per identificare un individuo, una società o altro ente. A titolo puramente esemplificativo e non esaustivo viene raccolto ad esempio il nome e il cognome, l’indirizzo di posta elettronica [e-mail], l’indirizzo, un recapito postale o altro recapito di carattere fisico, la qualifica, la data di nascita, il genere, il lavoro, l’attività commerciale, gli interessi personali e le altre informazioni necessarie per la prestazione dei servizi richiesti e per contattare l’utente.

Dati di navigazione

La navigazione sul sito può avvenire in forma anonima.

Per la navigazione in aree riservate l’utente avrà la possibilità di salvare le proprie credenziali (identificativo assegnato dall’amministratore del sistema con cui è avvenuta la registrazione e la password inviata all’indirizzo e-mail del richiedente della quale l’amministratore del sito non è a conoscenza).

A tal proposito si precisa che la scuola non compie operazioni di raccolta dati dell’utente con modalità automatiche, incluso l’indirizzo di posta elettronica [email].

La PRRC nel rispetto della normativa vigente in tema di tutela di dati personali, al solo fine di avere contezza dell’area visitata e della durata della visita stessa, può registrare l’indirizzo IP dell’utente (Internet Protocol, vale a dire l’indirizzo Internet del computer dell’utente). In questo caso i dati verranno utilizzati esclusivamente per ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e controllarne il corretto funzionamento e verranno cancellati immediatamente dopo l’operazione. I dati, tuttavia, possono essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità nell’ipotesi di reati informatici ai danni del sito; ciò, ad eccezione dei casi in cui si tratti di un utente registrato che abbia ricevuto la preventiva informativa e che abbia prestato il proprio consenso al trattamento, avverrà comunque senza mettere in relazione l’indirizzo IP dell’utente con altre informazioni personali relative allo stesso. Come molti altri siti web aventi carattere e contenuto indirizzato ai servizi, il sito della scuola può impiegare una tecnologia standard chiamata “cookie” per raccogliere informazioni sulle modalità di uso del sito da parte dell’utente. Per ulteriori informazioni, l’utente è invitato a consultare la sezione “Cookies”.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’Istituto, per consentire l’accesso alle aree riservate, raccoglie i dati personali dell’utente in occasione della sua registrazione e, al fine di attivare un account, assegna un CODICE UTENTE e una password, necessari per usufruire di determinati prodotti o servizi offerti dalla scuola. In particolare la registrazione è necessaria per partecipare al forum, per usufruire di chat, per inviare messaggi ad altri iscritti, per inserire commenti alle notizie, quando l’utente chieda di ricevere determinate e-mail, di essere inserito in una mailing-list o quando l’utente, per qualsiasi altra ragione, comunica i propri dati alla scuola. Quest’ultima usa tali informazioni solamente ove le stesse siano state legittimamente raccolte in conformità alla presente Policy e nel rispetto della normativa vigente. Si ribadisce che alcuni servizi web del sito prevedono l’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica; ciò comporta acquisizione dell’indirizzo del mittente (necessario per rispondere alle richieste) e degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi (disclaimer) possono essere visualizzate con apposito link nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta (come la pagina contatti). E’ inoltre indicato il trattamento di dati sensibili o giudiziari forniti dall’utente nel corpo della mail.

Comunicazione di Dati Personali

In caso di raccolta di dati personali, la PRRC informerà l’utente sulle finalità della raccolta al momento della stessa e, ove necessario, richiederà il consenso dell’utente. La scuola, salvo quanto di seguito previsto nella Sezione “Ambito di Comunicazione e Diffusione di Dati Personali”, non comunicherà i dati personali dell’utente a terzi senza espresso consenso. Se l’utente decide di fornire alla scuola i propri dati personali, gli stessi potranno essere comunicarli all’interno dell’Istituto o a terzi che prestano servizi alla scuola, ovviamente nel rispetto delle vigenti disposizioni (si veda a tal proposito informativa privacy pubblicata sul sito). la PRRC invierà all’utente eventuale materiale relativo ad attività di informazione e a ricerche di mercato solo dopo averlo informato e averne ottenuto il consenso.

Cookies

Un cookie è un piccolo file di testo che alcuni siti web inviano all’hard drive dell’utente in occasione della visita al sito. Un cookie può contenere informazioni quali un ID dell’utente che il sito usa per controllare le pagine visitate; si precisa, tuttavia, che le uniche informazioni di carattere personale che un cookie può contenere sono quelle fornite dall’utente stesso. Un cookie non può leggere i dati presenti sull’hard disk dell’utente o leggere i cookies creati da altri siti. Alcune aree del sito dell’Istituto impiegano cookies per registrare le modalità di navigazione degli utenti sul sito. L’Istituto si serve di cookies per determinare il grado di utilità delle informazioni che fornisce ai propri utenti e per verificare l’efficacia della struttura di navigazione del sito in relazione al supporto di aiuto offerto all’utente per ottenere quell’informazione. Se l’utente non desidera ricevere cookies durante la navigazione sul sito, può programmare il proprio browser in modo da essere avvertito prima di accettare cookies e rifiutarli quando il browser avvisa della loro presenza. L’utente può anche rifiutare tutti i cookies disattivandoli nel proprio browser, anche se in tal modo non sarebbe poi in grado di sfruttare in pieno i servizi del sito. In particolare, all’utente potrebbe essere chiesto di accettare cookies al fine di compiere determinate operazioni. Tuttavia, non è necessario che l’utente accetti tutti i cookies per usare/navigare in molte aree del sito, salvo il caso in cui, per l’accesso a specifiche pagine web, siano necessari la registrazione e una password.

Finalità e Modalità di trattamento dei Dati Raccolti

la PRRC tratta i dati personali dell’utente per le seguenti finalità di carattere generale: per soddisfare le richieste a specifici prodotti o servizi, per personalizzare la visita al sito, per aggiornare l’utente in relazione ai servizi della scuola o ad altre informazioni di suo interesse (provenienti direttamente dell’Istituto o dai suoi partners), per comprendere meglio i bisogni dell’utente e offrire allo stesso servizi migliori. Il trattamento di dati personali da parte dell’Istituto per le finalità sopra specificate avviene in conformità alla normativa vigente in materia di privacy.

Ambito di comunicazione e diffusione di dati personali

I dati personali non vengono comunicati al di fuori della realtà dell’Istituto senza il consenso dell’interessato, salvo quanto in seguito specificato. Nell’ambito dell’organizzazione della scuola, i dati sono conservati in server controllati cui è consentito un accesso limitato in conformità alla normativa vigente. la PRRC può comunicare i dati personali dell’utente a terzi in uno dei seguenti casi: quando l’interessato abbia prestato il proprio consenso alla comunicazione; quando la comunicazione sia necessaria per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente; quando la comunicazione sia necessaria in relazione a terzi che lavorano per conto dell’Istituto per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente (la scuola comunicherà a questi ultimi solo le informazioni che si rendono necessarie in relazione alla prestazione del servizio, senza che i dati possano essere trattati per finalità diverse); per fornire le informazioni necessarie e relative all’Istituto stesso, nonché agli altri enti ad esso collegati (in qualsiasi momento l’utente potrà richiedere di non ricevere più tale tipo di comunicazioni). la PRRC inoltre divulgherà i dati personali dell’utente nel caso in cui ciò sia richiesto dalla legge.

Diritti dell’utente; User Account

Se l’utente è registrato, per richiedere la cancellazione del proprio account o qualsiasi altro proprio dato personale deve inviare una mail al responsabile della gestione/aggiornamento del sito.

Sicurezza dei dati

Le informazioni dell’account sono protette da una password per garantire la riservatezza e la sicurezza dell’utente. la PRRC adotta tutte le misure di sicurezza e le procedure fisiche, elettroniche e organizzative richieste dalla normativa vigente. Anche se la scuola fa quanto ragionevolmente possibile per proteggere i dati personali dell’utente, la stessa non può garantire la completa totale sicurezza dei dati personali dell’utente durante la comunicazione. A tal proposito la PRRC invita l’utente ad adottare tutte le misure precauzionali per proteggere i propri dati personali quando naviga su Internet. L’utente, ad esempio, è invitato a cambiare spesso la propria password (che preferibilmente dovrà essere composta da una combinazione di lettere e numeri) e ad assicurarsi di fare uso di un browser sicuro.

Minori e privacy

Il sito web della PRRC è pensato per un utilizzo anche da parte di minori di 18 anni in quanto presenta contenuti puramente didattici e culturali. Quindi la scuola, in fase di iscrizione al sito, non richiede la maggiore età dell’utente.

Siti di terzi

Il sito web dell’Istituto può contenere links ad altri siti. La scuola non condivide i dati personali dell’utente con questi siti e non è responsabile delle pratiche degli stessi in relazione alla tutela e al trattamento di dati personali. La PRRC invita l’utente a prendere visione della politica della privacy di tali siti per conoscerne le modalità di trattamento e raccolta dei dati personali.

Modifiche della politica della privacy

La PRRC in relazione all’evoluzione della normativa, potrà modificare la presente policy della privacy, dandone adeguata comunicazione attraverso la pubblicazione sul sito.
Informativa privacy aggiornata il 22/12/2022 11:50
torna indietro leggi POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
 obbligatorio
generic image refresh


Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie