01 Ottobre 2020

Cascina: dalla Tana dei Lupi al risotto e spade

13-03-2016 16:04 - Report su marce ludiche e vari commenti
Ho un debole per questa marcia qui. Non solo perché è bella o perché ben organizzata da uno splendido team come quello de la Verru´a. Perché nel 2000 ci fu il mio esordio e fui conquistato da quell´incredibile risotto a fine corsa. Risotto che mi ha motivato anche quest´anno e nonostante una non brillantissima condizione, come dimostrato sul Serra 8 giorni prima, ho comunque corso i miei 12 chilometri con il ginocchio anestetizzato incredibilmente. E dopo la foto iniziale di rito, nonostante fossimo poco più di 20, mentre un altro esercito era a cimentarsi su varie specialità o per testarsi a 7 giorni dal TMP, l´aria frizzantina con un bel sole ha fatto il resto. E con Cristina e Michela siamo andati sul percorso della 14km che poi era poco più di 12, per Lugnano, sotto il Castellare, per salire e lambire la Lombardona e scendere sotto la Verruca, dopo aver bevuto alla Tana dei Lupi e rientrando per la Noce, dove il ristoro a base di frittelle nella zona industriale ha dato la botta ai tanti accorsi. Con noi anche Elisa, l´istruttrice di nuoto.
Alla fine, nel corso di Cascina, il tanto agognato risotto, tanto bono come nel 2000, ed una dimostrazione con i costumi d´epoca della battaglia di Cascina a suon di spade. Tutto sotto lo sguardo del maestro di scherma Enrico Di Ciolo, incuriosito dell´evento celebrativo.
Alla prossima, a Calci, a lavorare ...

Fonte: Andrea Maggini



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio