22 Settembre 2020

IronMan Austria (Klagenfurt): il racconto di Zanoni

08-07-2019 17:20 - Triathlon, Bike, Duathlon, Aquathlon, Nuoto per Tri, etc
Ironman Austria...il giorno dopo..
Gara stupenda, organizzazione SUPER!
...nuoto senza muta ma acqua abbastanza calda, l’unica cosa è che nei laghi non si galleggia come al mare e quindi si fa un po’ di fatica in più. Bici alla grande, anche piùdel previsto(d’altra parte è la specialità della casa no 😉???) percorso impegnativo, non un metro piatto, tutto su e giù..giudice fisso con noi che eravamo i primi age group quindi zero scia mentre dietro.. alè..quando vedo 35mo parziale assoluto 😳😳😳 fatico a crederci (evidentemente allenarsi con i ciclisti toscani fa bene 😂) .. arrivo comunque stanco e mi dico..e ora come faccio a correre? E invece parto bene, cerco di controllarmi e il passo non sale mai sopra i 5/km per la prima metà..al 10o km temporalone con vento fulmini, la temperatura crolla da 28 gradi a 14, comincio ad avere un po’di mal di pancia e la botta di freddo mi inchioda un po’ le gambe ma vado avanti, mi dicono essere 5o o 6o di categoria e il sogno delle 9 ore e di kona nn sembra così improbabile...arrivo al 22mo bene, al 22.5 crisi di fame, mi sento completamente vuoto, faccio fatica a continuare a correre e ciondolo..si avvicinano gli infermieri ma dico che vado avanti, tengo duro fino al 28mo dove un amico mi passa di sottobanco 3 biscotti al cioccolato che piano piano mi rimettono, Barbara mi accompagna per qualche centinaio di metri e riesco a trovare qualche energia residua..però in quei 6-7 km mi superano in tanti e il 9 ore inesorabile vola via..stringo i denti e ricomincio a correre a 5:20-30 fermandomi ai ristori e finalmente arrivo...contento...ho dato tutto..fino all’ultima goccia di energia..avevo un obiettivo-sogno e ho attaccato forte..e ho pagato dopo. Punto. Non sto a dire, ma forse con la muta, ma forse senza temporale..è stato così per tutti..l’Ironman è una gara che si affronta in due modi: o vai per arrivare e allora gestisci ma se vuoi fare il colpaccio devi attaccare e il rischio di saltare c’è ed è altissimo..saltano anche i pro..però ragazzi che finish line..va bè si riproverà l’anno prossimo...ora ci si gode un po’ di vacanza, la casa nuova e la famiglia...
Ed è il momento di ringraziare tutti quelli che mi permettono di fare questa vita che amo, mia moglie Barbara Ferro in primis, poi i miei suoceri che avendoci ospitato quest’anno in attesa della consegna della nuova casa si sono puppati i miei allenamenti, i miei genitori che sono venuti a vedere la gara e a far da supporters e i miei amici che si sono allenati con me e che hanno fatto sentire il loro sostegno ieri, un amico in particolare che mi ha “spinto” col pensiero a distanza Claudio Stefanini (ci sostiene a vicenda nelle nostre pazzie vero 😉?)..un abbraccio a tutti!! See you next year in ..... ??? —


Fonte: Max Junior Zanoni



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio