16 Luglio 2020
News

Lucca Half Marathon: una lezione di corsa, come a scuola!

07-05-2015 16:48 - Eventi a cui partecipiamo
10° Km (o forse poco prima... direi a metà del primo giro sotto le mura)
Un gruppetto abbastanza nutrito si para davanti a noi.

Ma: "dai andiamo a prenderli..."
Mi: "no Massimo, aspetta, teniamo, arriviamoci piano, tanto ora calano...(momento di silenzio)....cmq se vuoi andare, vai, fa la tua gara, non ti preoccupare..."

Il passo è intorno ai 3´55" al chilometro (menomale non siamo andati - nota personale)

Massimo è un signore del Livorno Team Running, non è più un ragazzino, da un po´, ma è un osso. Uno di quelli che devi sempre valutare se è il caso di ingoiare o meno. Devi tener presente che se lo ingoi da qualche parte, quell´osso, dovrà pur uscire. Con Mirco sembrano conoscersi bene, devono averne fatte parecchie di corse insieme.

Assisto da spettatore al dialogo e mi rendo conto che sto ricevendo una lezione, come a scuola. Si corre con il cervello, sempre. E non come faccio io normalmente (a tavoletta sempre e chi s´è visto, s´è visto...)

Il gruppetto è stato ripreso un paio di km dopo e alla fine Massimo pagherà 25 secondi a Mirco. Distacco accumulato negli ultimi due km.

03/05/2015 - 2° Lucca Half Marathon

E´ mattina, la sveglia che riflette l´orario sulla parete è suonata da un po´, è tardi, come al solito.
Devo andare a casa, preparare lo zainetto, prendere la moto e andare a Lucca.
Mr. President era stato categorico e imperativo: ore 8.30 sotto Porta Elisa, canottiera rossa d´ordinanza per foto sociale.
Ore 8.30, anzi, un filino prima, sono li. Ma non c´è nessuno. Perfetto, penso io, avrò di sicuro capito male e, come già alla maratona di Pisa, io sono da una parte e gli altri a fare la foto sociale altrove. Dopo un paio di minuti mi sento chiamare. E´ Dino, anche lui non convinto di aver capito bene orario e luogo dell´appuntamento.
Almeno siamo in due a non aver capito una sega: mal comune, mezzo gaudio.
E invece no. Di li ad un momento, una selva di canottiere rosse arrivano da Villa Bottini (sede dell´expo) con il President, condottiero senza paura e, soprattutto, con le ali ai calzari come il dio Mercurio, in testa (è appurato che ognuno c´ha il presidente che si merita).
Saluti di circostanza e foto (proprio una bella foto direi!).
Attendo all´antichissimo rito della pipì pregara all´aperto e vado a cercare posizione ai nastri di partenza. Di fianco a me c´è Mirco. Mi chiede come volessi correre. Rispondo di aver visto il palloncino del peacer di 1.25´ e di pensare di andare dietro a quello. Mi mostra il suo orologio gps, ha impostato la distanza e il tempo ad 1.23´. Faccio spallucce: ci provo. Anche se non ne sono per niente sicuro.
Lo schieramento di partenza era ormai composto, non c´è stato possibile avanzare neanche un metro e, per non perdere almeno le posizioni subito a ridosso, decidiamo di non scaldarci neanche.
Perfetto: si parte a ghiaccio e c´è da camminare subito forte.
Accanto a noi lo Scacco, il Guerrini, il mi fratello, il Giglia, il Cassi (con una maglia verde, che, io poi boh, l´avrei quasi quasi, squalificato...).

Al via il gruppone si sgrana quasi subito. Con Mirco prendiamo l´interno e cominciamo a recuperare posizioni su posizioni. Quando la strada si fa meno affollata mi dice di forzare, che abbiamo bisogno di recuperare quello che abbiamo perso in partenza. Viaggiamo intorno a 3´40"a km. Quando stiamo per scendere dalle mura siamo in 4. Io e Mirco con l´aquila sul petto e Massimo e un altro ragazzo del Livorno Team Running. Quando il gps di Mirco ci dice che abbiamo recuperato quanto perso in partenza (sull´ideal time di 1.23´ a fine corsa) stabilizziamo il passo intorno a 3´55".
Mirco gestisce la corsa come un cyborg. Indica le buche a chi gli sta dietro, suggerisce quando è il momento di tagliare le curve per scorciare qualche metro. E´ impressionantemente meticoloso. Conosce molto bene i suoi mezzi e si vede.
Massimo mi dice che appena c´ha visti s´è attaccato a botta sicura, portandosi dietro l´altro ragazzo, e che Mirco è una sicurezza.
Mirco dal suo lato mi dice che quel Massimo lì, sono 30 anni che corre e che va fortissimo ed è sempre li in cima.
Ho capito, de, l´unico pecorone, qui ner mezzo, so io.
Recuperiamo una serie di piccoli gruppetti, qualcuno lo passiamo, qualcuno si accoda.
Nota di colore: mi garbano da morire i gruppettini rock che suonano lungo il percorso (sono due fuori dalle mura e uno in centro): headbanging a tutto fo´o...
Primo passaggio dentro la città, lo dico perché un giorno me ne sia reso merito: ho dato una bottiglia d´acqua a l´altro ragazzo del Livorno Team Running (ho il cuore tenero, non ci posso far niente).
Il passo rimane costante, tranne un leggero calo intorno al 14° km. Mirco mi riporta all´ordine, ma me la sento sguscià che io sono quasi arrivato. Km 16° la crisi è arrivata, non forte ma è arrivata: la gestisco con la respirazione e con una bella spugna fresca sul collo. Km 18°, ecco, ora si che ci siamo. Perdo contatto con i miei mentori. Ho fatto il botto, ma ci sta. Secondo il Gps di Mirco avevamo un esiguo vantaggio sull´ideal time impostato, stringo i denti e cerco di tenere la canotta rossa nella visuale.
Si entra in città, subisco qualche sorpasso, ma il cronometro mi sorride ancora. Il passo si abbassa di una decina di secondi a km. Viaggio intorno ai 4´05"/4´08 a km.
Ultimi 500 metri, sono segnalati con un cartello. Mamma mia com´è bello quel cartello.
C´è Dino (era li per far le foto), mi incita, mi dice che ci siamo, che è finita.
Memore della volata che stavo perdendo al triathlon a Livorno la scorsa settimana, raccolgo le ultime energie e abbozzo una progressione. C´è tanta gente a bordo strada, semplici curiosi, mamme con bambini, persone anziane. L´incitamento è costante e generalizzato.
Provo a superare colui che avevo davanti, ma niente da fare: arriva lui. Ma ho vinto lo stesso, anche questa volta.

Grandi le Aquile tutte, che prendono il premio come gruppo più numeroso.


Fonte: Valerio Savino



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account