29 Settembre 2020

Santa Croce (Tre Province): perchè senza sarsicce non è Santa Croce

07-01-2018 18:09 - Report su marce ludiche e vari commenti
Ancora orfano di famillia, e dopo il tuffo (con allenamento) befanesco di ieri a Marina di Pisa, sono a Santa Croce sull´Arno grazie al passaggio di Marcellone e Sirkka.
IN realtà è stata, per me, una corsetta da 6 km per tirare le fila del Trofeo supportando Marcello nella consegna dei nuovi cartellini e bollini per la partecipazione al circuito 2018.
Al Circolo siamo ben piantati ad un tavolino, dove il pensiero + più quello di finire e mangiarsi le salsicce che correre.
Ma tant´è, arrivano un pò alla spicciolata i nostri, non credo pià di una ventina. ... eravamo il triplo ieri al Tuffo di Befana cum corsa per cui oggi è uno sfogo (delle gambe e dello stomaco).
Fa un pò effetto rivedere la Santoro e la Antoni con altri sodalizi ma dovremo farci l´abitudine.
Con noi nuovi amici e soprattutto Amiche. E Vincenzo. L´uomo di Reggio Calabria che sembra fregare il posto di Paola G. in quanto a fame e degustazioni. Ci darà molte soddisfazioni in tal senso.
Io ho corso solo 6 km con un piccolo raid delle Cerbaie mentre gli altri sono andati sui percorsi fangosi da 14 e 18km.
Al termine, dicevo, il momento più atteso degli Spensierati (e delle Spensierate oggi in versione befanesche): salsicce a tutto sdeo su bruschetta agliata e con le canzoni del neo-80enne Adriano Celentano sullo sfondo. E torte e crostate bone assai al termine delle fatiche della mandibole. Insomma, gioia per i muscoli anche facciali.
Ri-buon anno a tutte e tutti.



Fonte: Andrea Maggini



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio