13 Aprile 2024

Triathlon Sprint di Livorno: il racconto di Valerio

Se fosse un oggetto sarebbe uno scarpone. Uno di quelli vecchi, tutto rattoppato e con i lacci ciondoloni.
Se fosse un romanzo sarebbe:" La soltudine dei numeri primi" di P. Giordano.
S´i fosse fuoco, arderei ´l mondo (cit. C. Angiolieri)
Il triathlon è una disciplina complessa composta, a sua volta, da tre discipline abbastanza semplici: nuotare, pedalare e correre.
5° Triathlon Sprint Città di Livorno - 26/4/2015 - Ardenza (Li)
Sveglia puntata alle 7.30, la bici era già in macchina. Carico la Favati stesa per lungo in bauliera, la lego alla meglio, per evitare che possa sbatacchiare a destra e a sinistra, e si parte per il rendez vous con Mirco e Matteo al bar Livorno. Come al solito siamo in perfetto ritardo. Troviamo ad attenderci anche Massimo Rognini, collega nuotatore in quel della Gabella. Colazione veloce e via verso Livorno.
Subisco il primo pressing psicologico da Mirco e Matteo (in realtà Matteo è un mese che spacca le palle Emoticon grin ): il percorso è da criceti, il mare è bagnato, la bici è in salita, il vento è sicuramente contro e se così non fosse, girerà.
Sticazzi, penso io. Emoticon grin
Si parte. Dal cielo vola qualche schizzo, ma non minaccia realmente pioggia.
Arriviamo in quel di Ardenza Palm Spring. Ritiro pettorale. Matteo guarda sconsolato l´area cambio: "ma di dove si entra? Ma quando sono entrato da dove passo? Ma per uscire?"
Chiediamo tutte le informazioni del caso e andiamo a svolgere le operazioni preliminari: preparare la bici e il materiale per la zona cambio, le riunioni di gabinetto e così via. Preziosa in tal senso la collaborazione tecnica della Favati, specialmente per la fornitura di fazzoletti in un bagno chimico che una signora ha definito "brillante" dopo il mio passaggio (l´ho sentito mentre scappavo via dalla vergogna per tutta la cattiveria che avevo lasciato: mi scusi signora, non avevo idea di essere così cattivo dentro).
Si piazza la bici e si fanno due chiacchiere. Mirco, ultimo in zona cambio, guarda e riguarda la sua bici. Chiedo quale fosse il problema, mi risponde che vorrebbe portarsi la pompetta ma che non ha niente per legarla. Lo guardo e gli dico che in una frazione di 35/40 minuti una foratura vale un ritiro, anche perché nel mio caso, con il nervoso della foratura, se per caso la sostituzione della camera d´aria mi dovesse creare qualche difficoltà, rischio di buttare la bici in mare...e non è il caso...Matteo tira fuori del nastro e la leghiamo. Nel frattempo chiude la zona cambio e partono le ragazze; è il segno che ci siamo quasi, devo andare a mettere la muta.
L´ultima volta che l´avevo indossata era ottobre, ero 3 kg in meno, la paura di infilarla e di scoppiarla è forte. Invece niente, la indosso e sembra tenere. Mi fa un po´ l´effetto salsicciotto, ma, d´altra parte, se sei basso e largo non puoi aspettarti niente di diverso.
Ci chiamano alla spunta, bacio al Vanni e cinque alla Favati e a Mirco...ehm no, ho baciato la Favati e ho dato il cinque agl´altri due...
Mi metto in fila, arriva Mirco da dietro, mi chiude la zip della muta, mi da una pacca sulla spalla: " Dai è! Sei il più piccino qui in mezzo...". Mi guardo intorno, è vero, lo sono, ma è sempre così, penso tra me e me. Mi guardo di nuovo intorno, chiedendomi, questa volta senza guardare il mare:" ma chi me lo ha fatto fare...."
Dopo la spunta ci fanno scendere sulla spiaggia, testiamo l´acqua, è gelida. Piccola nuotata per verificare che possa muovermi, ok, ci riesco. Qualche minuto di attesa, ci schierano dietro al nastro di partenza.
3,2,1, via!!
Solita bolgia di spruzzi, gomitate, cazzotti e pedate. Non mi accorgo di essere sopra uno scoglio e per non farmi mancare niente gli assesto un bel calcione. Trovo il mio ritmo. Subisco qualche colpo e qualcuno lo rifilo: facciamo che stiamo un po´ per uno in collo a babbo...
Il gruppo si sgrana, prendo la mia posizione (verso il fondo del gruppo) e raggiungiamo la prima boa. Giriamo intorno alla prima boa e si va verso la seconda. Il vento e le onde le prendiamo di pancia. Bevo i soliti due litri di acqua salata utile per combattere la stitichezza e le rughe (che non ho). Arrivo alla seconda boa e si vira di nuovo verso terra, con il vento quasi contro. C´è una boa gialla che mi è stato detto essere solo di segnalazione (segnalava scogli), il mare e gli occhialini appannati dall´acqua fredda mi fanno ritrovare con la boa alla mia destra. Passo la boa. La canoa di assistenza mi raggiunge: toc toc, mi bussa su una spalla e mi ferma:
"dica?"
"devi passare a destra della boa..."
Lo guardo chiedendomi se fosse serio " ma quindi devo tornare indietro?"
"Si"
"Ma porc..."
Giro, torno indietro e passo dal giusto lato. Arrivo a terra, comincio a togliere la muta, il primo pezzo va facile, la parte delle gambe l´ho dovuta prendere, letteralmente, a pedate.
Le bici sono quasi tutte andate, mi rendo conto di aver fatto cagare. La mia acquaticità è paragonabile a quella di un vecchio scarpone.
Salgo in bici e parto a tutta. Mirco aveva ragione, la strada è in leggera salita e, per di più, il vento e tendenzialmente contrario. Il percorso è un multilap composto da un´andata (in leggera salita) e un ritorno (in leggera discesa) da percorrere 4 volte.
La solitudine dei numeri primi: sono solo e sono un numero primo, il numero 68 (la mia autostima e il mio ego mi impediscono di essere un numero secondo). Faccio una fatica bestia per non produrre niente di buono; si sale intorno ai 30 all´ora e si scende intorno ai 40. Faccio due giri da solo, mi spremo, ma non c´è succhio (mi sia concessa la locuzione pisana). Passa il gruppo dei primi, mi attacco ma vanno troppo per me. Tengo la scia per 4/500 metri, poi, per scanzare un tombino, la perdo e in 5 secondi sono spariti. Altro ritorno da solo. All´ultima andata mi aggancio al treno di quelli buoni della seconda batteria. Adesso ci siamo. Do due cambi davanti e, in gruppo, le velocità salgono notevolmente si va a 34 e si scende a 45 con punta di più di 50 per sgranare il gruppo prima del giro di boa della zona cambio. Lascio la bici, metto le scarpe e corro. Non ho l´orologio, quindi vado a sensazione. Prendo il ritmo e ne recupero diversi, puntando sempre quello davanti e riuscendo sempre a prenderlo. Agl´ultimi metri, avendo un po´ mollato, vengo affiancato da uno che avevo sorpassato agilmente poco prima, vuole fare la volata, me ne accorgo quando compare nel mio campo visivo, è avanti lui (popò di pezzo di menta), riesco ad allungare e ad arrivare primo al fotofinish. Guardando i risultati alla fine il passo nella corsa è stato di 4.28 al km. Mi prende un momento di delusione: ma come 4.28, cioè, ho fatto livorno e carrara sotto i 4 e adesso 4.28?
Guardando meglio ho fatto il 30esimo tempo in assoluto nella frazione di corsa, sintomo che cmq le condizioni non erano per niente ideali.
Vabbè, alla fine della fiera, ne esco ridimensionato, pensavo di essere più avanti, ma anche sticazzi... bene così, c´è da mangianne di past´asciutte (poche che almeno 3 kg vanno persi).
119° assoluto in 1.24.24.
Dopo l´arrivo mi metto ad aspettare Matteo e Mirco che partivano nella batteria dopo la mia e avevo intravisto durante la mia frazione di corsa. Vedo Matteo fare il giro di boa della corsa, dopo poco arriva Mirco che, dando per scontato fosse avanti, doveva aver finito, invece niente, anche lui fa il giro di boa. Avendo estrema fiducia nelle qualità di Matteo (Vai brioshone!!!!) penso subito che Mirco si sia sbagliato e che stia facendo un giro di troppo. Arriva matteo con una bella falcata brillante, chiuderà con un tempo di pochissimo più alto del mio e con una discreta frazione in bici. Ci dice che Mirco ha forato. L´unico che si è portato il kit di sostituzione del copertone ha forato: se non è gufassela questo, non so cosa altro potrebbe esserlo grin emoticon
Cmq bravissimi tutti e due, è stata una bella mattinata.
Mille ringraziamenti anche a Pipino, che, nonostante la sveglia presto di domenica mattina, mi ha accompagnato in questa nuova avventura.


Fonte: Valerio Savino



POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE

Titolare e responsabile del trattamento dei dati

Il Titolare del trattamento è La Pisa Road Runners Club ASD (di seguito PRRC) in persona del suo legale rappresentante pro tempore con sede legale c/o Studio Commerciale Cambi Toscano - Via Renato Fucini 49 - 56100 Pisa (PI) - P.I. 02050770508

Rispetto della Privacy

La PRRC rispetta la privacy dei propri utenti e si impegna a proteggere i dati personali che gli stessi gli conferiscono. In generale, l’utente può navigare sul sito web dell’Istituto senza fornire alcun tipo di informazione personale. La raccolta e il trattamento dei dati personali avvengono, se necessario, in relazione all’esecuzione di servizi richiesti dall’utente, o quando l’utente stesso decide di comunicarlo; in tali circostanze la presente politica della privacy illustra le modalità e i caratteri di raccolta e trattamento dei dati personali dell’utente.

La PRRC tratta i dati personali forniti in conformità alla normativa vigente.

Raccolta di Dati Personali

Per “dati personali” s’intende qualsiasi informazione che possa essere impegnata per identificare un individuo, una società o altro ente. A titolo puramente esemplificativo e non esaustivo viene raccolto ad esempio il nome e il cognome, l’indirizzo di posta elettronica [e-mail], l’indirizzo, un recapito postale o altro recapito di carattere fisico, la qualifica, la data di nascita, il genere, il lavoro, l’attività commerciale, gli interessi personali e le altre informazioni necessarie per la prestazione dei servizi richiesti e per contattare l’utente.

Dati di navigazione

La navigazione sul sito può avvenire in forma anonima.

Per la navigazione in aree riservate l’utente avrà la possibilità di salvare le proprie credenziali (identificativo assegnato dall’amministratore del sistema con cui è avvenuta la registrazione e la password inviata all’indirizzo e-mail del richiedente della quale l’amministratore del sito non è a conoscenza).

A tal proposito si precisa che la scuola non compie operazioni di raccolta dati dell’utente con modalità automatiche, incluso l’indirizzo di posta elettronica [email].

La PRRC nel rispetto della normativa vigente in tema di tutela di dati personali, al solo fine di avere contezza dell’area visitata e della durata della visita stessa, può registrare l’indirizzo IP dell’utente (Internet Protocol, vale a dire l’indirizzo Internet del computer dell’utente). In questo caso i dati verranno utilizzati esclusivamente per ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e controllarne il corretto funzionamento e verranno cancellati immediatamente dopo l’operazione. I dati, tuttavia, possono essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità nell’ipotesi di reati informatici ai danni del sito; ciò, ad eccezione dei casi in cui si tratti di un utente registrato che abbia ricevuto la preventiva informativa e che abbia prestato il proprio consenso al trattamento, avverrà comunque senza mettere in relazione l’indirizzo IP dell’utente con altre informazioni personali relative allo stesso. Come molti altri siti web aventi carattere e contenuto indirizzato ai servizi, il sito della scuola può impiegare una tecnologia standard chiamata “cookie” per raccogliere informazioni sulle modalità di uso del sito da parte dell’utente. Per ulteriori informazioni, l’utente è invitato a consultare la sezione “Cookies”.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’Istituto, per consentire l’accesso alle aree riservate, raccoglie i dati personali dell’utente in occasione della sua registrazione e, al fine di attivare un account, assegna un CODICE UTENTE e una password, necessari per usufruire di determinati prodotti o servizi offerti dalla scuola. In particolare la registrazione è necessaria per partecipare al forum, per usufruire di chat, per inviare messaggi ad altri iscritti, per inserire commenti alle notizie, quando l’utente chieda di ricevere determinate e-mail, di essere inserito in una mailing-list o quando l’utente, per qualsiasi altra ragione, comunica i propri dati alla scuola. Quest’ultima usa tali informazioni solamente ove le stesse siano state legittimamente raccolte in conformità alla presente Policy e nel rispetto della normativa vigente. Si ribadisce che alcuni servizi web del sito prevedono l’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica; ciò comporta acquisizione dell’indirizzo del mittente (necessario per rispondere alle richieste) e degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi (disclaimer) possono essere visualizzate con apposito link nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta (come la pagina contatti). E’ inoltre indicato il trattamento di dati sensibili o giudiziari forniti dall’utente nel corpo della mail.

Comunicazione di Dati Personali

In caso di raccolta di dati personali, la PRRC informerà l’utente sulle finalità della raccolta al momento della stessa e, ove necessario, richiederà il consenso dell’utente. La scuola, salvo quanto di seguito previsto nella Sezione “Ambito di Comunicazione e Diffusione di Dati Personali”, non comunicherà i dati personali dell’utente a terzi senza espresso consenso. Se l’utente decide di fornire alla scuola i propri dati personali, gli stessi potranno essere comunicarli all’interno dell’Istituto o a terzi che prestano servizi alla scuola, ovviamente nel rispetto delle vigenti disposizioni (si veda a tal proposito informativa privacy pubblicata sul sito). la PRRC invierà all’utente eventuale materiale relativo ad attività di informazione e a ricerche di mercato solo dopo averlo informato e averne ottenuto il consenso.

Cookies

Un cookie è un piccolo file di testo che alcuni siti web inviano all’hard drive dell’utente in occasione della visita al sito. Un cookie può contenere informazioni quali un ID dell’utente che il sito usa per controllare le pagine visitate; si precisa, tuttavia, che le uniche informazioni di carattere personale che un cookie può contenere sono quelle fornite dall’utente stesso. Un cookie non può leggere i dati presenti sull’hard disk dell’utente o leggere i cookies creati da altri siti. Alcune aree del sito dell’Istituto impiegano cookies per registrare le modalità di navigazione degli utenti sul sito. L’Istituto si serve di cookies per determinare il grado di utilità delle informazioni che fornisce ai propri utenti e per verificare l’efficacia della struttura di navigazione del sito in relazione al supporto di aiuto offerto all’utente per ottenere quell’informazione. Se l’utente non desidera ricevere cookies durante la navigazione sul sito, può programmare il proprio browser in modo da essere avvertito prima di accettare cookies e rifiutarli quando il browser avvisa della loro presenza. L’utente può anche rifiutare tutti i cookies disattivandoli nel proprio browser, anche se in tal modo non sarebbe poi in grado di sfruttare in pieno i servizi del sito. In particolare, all’utente potrebbe essere chiesto di accettare cookies al fine di compiere determinate operazioni. Tuttavia, non è necessario che l’utente accetti tutti i cookies per usare/navigare in molte aree del sito, salvo il caso in cui, per l’accesso a specifiche pagine web, siano necessari la registrazione e una password.

Finalità e Modalità di trattamento dei Dati Raccolti

la PRRC tratta i dati personali dell’utente per le seguenti finalità di carattere generale: per soddisfare le richieste a specifici prodotti o servizi, per personalizzare la visita al sito, per aggiornare l’utente in relazione ai servizi della scuola o ad altre informazioni di suo interesse (provenienti direttamente dell’Istituto o dai suoi partners), per comprendere meglio i bisogni dell’utente e offrire allo stesso servizi migliori. Il trattamento di dati personali da parte dell’Istituto per le finalità sopra specificate avviene in conformità alla normativa vigente in materia di privacy.

Ambito di comunicazione e diffusione di dati personali

I dati personali non vengono comunicati al di fuori della realtà dell’Istituto senza il consenso dell’interessato, salvo quanto in seguito specificato. Nell’ambito dell’organizzazione della scuola, i dati sono conservati in server controllati cui è consentito un accesso limitato in conformità alla normativa vigente. la PRRC può comunicare i dati personali dell’utente a terzi in uno dei seguenti casi: quando l’interessato abbia prestato il proprio consenso alla comunicazione; quando la comunicazione sia necessaria per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente; quando la comunicazione sia necessaria in relazione a terzi che lavorano per conto dell’Istituto per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente (la scuola comunicherà a questi ultimi solo le informazioni che si rendono necessarie in relazione alla prestazione del servizio, senza che i dati possano essere trattati per finalità diverse); per fornire le informazioni necessarie e relative all’Istituto stesso, nonché agli altri enti ad esso collegati (in qualsiasi momento l’utente potrà richiedere di non ricevere più tale tipo di comunicazioni). la PRRC inoltre divulgherà i dati personali dell’utente nel caso in cui ciò sia richiesto dalla legge.

Diritti dell’utente; User Account

Se l’utente è registrato, per richiedere la cancellazione del proprio account o qualsiasi altro proprio dato personale deve inviare una mail al responsabile della gestione/aggiornamento del sito.

Sicurezza dei dati

Le informazioni dell’account sono protette da una password per garantire la riservatezza e la sicurezza dell’utente. la PRRC adotta tutte le misure di sicurezza e le procedure fisiche, elettroniche e organizzative richieste dalla normativa vigente. Anche se la scuola fa quanto ragionevolmente possibile per proteggere i dati personali dell’utente, la stessa non può garantire la completa totale sicurezza dei dati personali dell’utente durante la comunicazione. A tal proposito la PRRC invita l’utente ad adottare tutte le misure precauzionali per proteggere i propri dati personali quando naviga su Internet. L’utente, ad esempio, è invitato a cambiare spesso la propria password (che preferibilmente dovrà essere composta da una combinazione di lettere e numeri) e ad assicurarsi di fare uso di un browser sicuro.

Minori e privacy

Il sito web della PRRC è pensato per un utilizzo anche da parte di minori di 18 anni in quanto presenta contenuti puramente didattici e culturali. Quindi la scuola, in fase di iscrizione al sito, non richiede la maggiore età dell’utente.

Siti di terzi

Il sito web dell’Istituto può contenere links ad altri siti. La scuola non condivide i dati personali dell’utente con questi siti e non è responsabile delle pratiche degli stessi in relazione alla tutela e al trattamento di dati personali. La PRRC invita l’utente a prendere visione della politica della privacy di tali siti per conoscerne le modalità di trattamento e raccolta dei dati personali.

Modifiche della politica della privacy

La PRRC in relazione all’evoluzione della normativa, potrà modificare la presente policy della privacy, dandone adeguata comunicazione attraverso la pubblicazione sul sito.
Informativa privacy aggiornata il 22/12/2022 11:50
torna indietro leggi POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
 obbligatorio
generic image refresh


Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie