22 Aprile 2024

Cortina Ultra Trail: Ultratutto

IDEA
Se uno parte e va a Borgo Scopeto, a Lecco o a Chiavari, pur non forzando il senso del nomen numen, una battuta sul destino futuro, magari la fa. E chissà...
Ma se uno parte e va a Cortina, sapendo di dover soffrire sui pendii, per una corsa cortina si, ma una cippa...non fiata. Non è paura, è rispetto, doveroso e silenzioso tributo all´ignoto che ci attende. Allenare, ci siamo allenati, chilometri e salite, ripetute al Polacco e al passo del Frantoio, pruni, sassi moccoli e madonne dei Monti Pisani. E´ grazie a loro, a mamma Faeta e babbo Serra che ora possiamo volgere lo sguardo...oltre. Anzi, "Ultra".

Il pre non conta se non gustare ogni momento coi meravigliosi compagni d´avventura in un fanciullesco gioco di ansia e ruzzo.

PARTENZA
Più di mille spostati sono radunati sotto il campanile di Cortina. Sei mesi fa io, il Ferri, Chiarina e la Lety facemmo un patto: partire insieme, arrivare insieme. Da allora nessuno ne ha mai più fatto parola ed il silenzio su quel patto ne ha rafforzato il valore. E ci siamo allenati con occhio vigile l´uno all´altro, perché ognuno fosse all´altezza della situazione. Alla partenza, ancora silenzio sul patto, ma è così forte in noi che ci facciamo scattare una foto (sia pur con l´uccello al contrario della Lety), in atteggiamento moschettiero, degni del miglior Dumas.

Ancora foto, sorrisi, cura dei dettagli, ciuffo e capezzoli a posto, zaini e fardelli, si va !

A parte la partenza in salita (...) l´atmosfera è scherzosa, l´umore è alto, al secondo chilometro ho già un caldo boia e supportato dalla Lety, non mollo di un metro, corro e mi spoglio per la via togliendo la canottiera di microfibra. Da dietro parte il primo applauso all´ignudo di Cortina. Tutte le congetture sull´abbigliamento vanno a farsi benedire, si fatica come muli, ma non dobbiamo lasciar spazio alla sofferenza.
Lago Ghedina, si sfreccia veloci, si sale in quota e il massiccio del Cristallo ci osserva da destra silenzioso ed immenso. Di colpo, si profila distante la vetta a punta del Col Rosa.
Passo Poscorcora, decimo chilometro, l´imperativo strategico è: mangiare! Il primo ristoro è al 23esimo chilometro e non vogliamo arrivare già esausti. Tiro fuori i quadretti di wafer napolitaner (a me i fru fru mi fanno sta bene), li mangio e li offro, anche a Luisella, che poi scoprirò si chiama Beatrice, che in cambio mi promette una birra all´arrivo. Si lo so cosa state pensando, ma deh, ci s´è messo una vita a scrivere il Manuale del TrailBaccaglio, col Bellinvia e il Matteoli, un vorrete mia che uno va a Cortina e si dimentica delle buone maniere...

Attacco alla Val Travenanzes: a destra Croda del Valon Bianco e i Fanes e a sinistra le Tofane silenti. Nel mezzo il torrente che scorre e noi a guadare una, due, dieci volte, a saltare, ad evitare il bagno totale, ad innervosirci perché non si trova il guado... è ancora troppo presto per fare un tuffo e proseguire inzuppati. Un po´ esasperato, decido per una cazzata, anzi la faccio senza decidere, prendo la rincorsa, balzo su una pietra e salto il torrente.
La Lety mi grida: "Mitico!"
Io rispondo: "No, demente!"
Atterro su una parete verticale di ghiaino friabile e scivolo inesorabilmente verso l´acqua... ma gatto Silvestro qualcosa mi ha insegnato e con le unghie risalgo. Popò d´imbecille...

Salita e ancora salita fino alla forcella Col dei Bos, nubi minacciose incombono. Discesa, via veloci con le gambe ed il sorriso beato, primi schizzi.
Ristoro di Col Gallina, temporale e acqua gelida. Fanculo il bon ton e mangio crostate e parmigiano insieme, fette biscottate con la nutella e fontina, bevo pure pepsicola (sempre sia benedetta nei Trail) e lo stomaco diventa la fucina del dio Vulcano...
Via veloci, la pioggia non aiuta, la salita durissima nemmeno. Per fortuna spiove, l´esercito dei concorrenti sosta qua e là a ripiegare le vesti pesanti.
Si riparte, salita, salita e solo salita fino al rifugio Averau gestito sicuramente da una banda di livornesi mascherati: offrono gentilmente teh caldo (non era previsto) e un bagnino con accento montanaro ci rassicura: Forza ragazzi, in fondo alla discesa c´è il ristoro !

Livornesi burloni... a parte 200 metri di discesa (nera) dove Chiarina vola due volte "culatterra" e dove io scendo a spazzaneve, un´altro po´ di declivio, poi riprende una maledettissima ed interminabile salita. Il passo Giau va conquistato, altro che storie, ma la bellezza incomparabile delle Cinque Torri snebbia la vista ed aliena la fatica.
Patisco il tratto (Savino in real time certificherà il mio ritardo di due minuti), e scatta qualcosa.
Forse non è nemmeno vero, ma percepisco una dolenzia, mi ascolto, mi rendo conto che se focalizzo l´attenzione al dolore ne emergono degli altri. Allora inizia la mia vera gara, quella fatta di ascolto e di risposte, di muto dialogo con me stesso e poco a poco scende una pace inaspettata.
I miei tre compagni d´avventura mi precedono di cento metri, decido che il legame con loro non sarà più il gomito affiancato, ma la possibilità di scorgerli. Decido che i patti sono importanti, ma la stupidità non è concessa e prende spazio in me una pace inaspettata. Sorrido, da solo, come un cretino... sono felice. A destra la Marmolada mi guarda oltre la valle. Io non decido più niente, non forzo il passo; di fronte a tale maestosa potenza, sarebbe irridente pretendere di atteggiarsi a domatore di sentieri, di vendicatore della valle. Silenzio, un mare liquido di pace mi pervade, è una sensazione rara, che solo situazioni preziose sanno generare, troppo rare. Corro, scavalco, salto, al ritmo che il mio corpo sente suo ed io lo assecondo.

E´ il silenzio il vero re della giornata, il mio, quello degli atleti al mio fianco, quello regale delle altezze. E nel silenzio affondo: la mente vaga, setaccia, si illumina, retrocede, avanza... una sorta di concentrazione estrema e attenzione vigile in una ossimorica immersione negli abissi delle vette.

Forcella Ambrizzola terrazza sul mondo e Cortina là in fondo. Un livornese dal pettorale polacco mi si affianca, col suo sorrisone biondo e in un italiano stentato mi dice "Finite salite!"
Ma te lo vai ... te la Polonia e il Gabbro, bugiardo!

Lo stacco, nonostante sembri Thor dio dei ghiacci, va più piano di me.

Rifugio Croda Lago a una manciata di passi, mi squilla il cellulare, so chi è.
Il Ferri ha voce abbattuta e mi chiede dove sono.
"Ti vedo, gli dico, ma non aspettatemi"
Lui insiste, un patto è un patto, ma io sorrido e gli dico che devono procedere da soli, perché il mio arrivo sarà bellissimo, dal momento che troverò tre amici leali ad abbracciarmi. Si convince, passo e chiudo. Discesa spaccaossa, radici infide e malefiche. Ogni teoria è vanificata, tanto in discesa, quanto in salita...già, perché il polacco-livornese mica l´aveva detto che qualche salita c´era ancora, anche all´ultimo chilometro, quando vedi il campanile di Cortina, ma non l´agguanti.

Rettifilo finale: tutta questa popò di fatica e mi ritrovo a fianco due che vanno al mio passo e non si schiodano. Eh no !
Voglio un arrivo tutto mio, una bella foto e l´abbraccio dei miei compari.
E allora parte il sorriso e pure le gambe vanno sincrone. Accelero tra due ali di folla che apprezza lo scatto da centometrista e il mio planare sull´arrivo.

Visto che di cazzate se ne fanno tante, taglio il traguardo accennando due passi di Tip Tap e col saltino finale come Fred Astaire, uno dei miei miti che intendo onorare quando posso. Ed ecco l´abbraccio dei miei moschettieri: Arrapis (avete letto bene... il Ferrisi è andato avanti a Red Bull ad ogni ristoro e ora pare mandingo..), Athos, Porthos che accolgono D´Artagnan... E mica potevo fa la comparsa in questa scena...

ARRIVO
Fioccano i messaggi, i saluti, uno mi vale e mi varrà una perenne presa di culo...SergioUltratutto... rido, Sergio, quello dentro, sa che il viaggio è stato lungo e che l´umiltà che ha imparato in anni di montagna è stata la migliore e la più saggia amica e consigliera.
Da questa corsa, se mai ce ne fosse stato bisogno, traggo l´insegnamento che sempre le vette dispensano... rispetto alla loro maestosità silente siamo un nulla, ma è bello vivere intensamente, oggi e sempre per colorare questo nulla.

EPILOGO
Mi è appena arrivata una puntuale mail col mio score.
Fino a Col Gallina ho marciato a 9,57 minuti a Km.
Ho concluso poi con una media nell´ultimo tratto di 11,15 minuti al Km.

Lo dico perché quel minuto e mezzo in più a chilometro, ha fatto di me un uomo felice fino alle lacrime.

Vostro SergioUltratutto.


Fonte: Sercostanzo



POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE

Titolare e responsabile del trattamento dei dati

Il Titolare del trattamento è La Pisa Road Runners Club ASD (di seguito PRRC) in persona del suo legale rappresentante pro tempore con sede legale c/o Studio Commerciale Cambi Toscano - Via Renato Fucini 49 - 56100 Pisa (PI) - P.I. 02050770508

Rispetto della Privacy

La PRRC rispetta la privacy dei propri utenti e si impegna a proteggere i dati personali che gli stessi gli conferiscono. In generale, l’utente può navigare sul sito web dell’Istituto senza fornire alcun tipo di informazione personale. La raccolta e il trattamento dei dati personali avvengono, se necessario, in relazione all’esecuzione di servizi richiesti dall’utente, o quando l’utente stesso decide di comunicarlo; in tali circostanze la presente politica della privacy illustra le modalità e i caratteri di raccolta e trattamento dei dati personali dell’utente.

La PRRC tratta i dati personali forniti in conformità alla normativa vigente.

Raccolta di Dati Personali

Per “dati personali” s’intende qualsiasi informazione che possa essere impegnata per identificare un individuo, una società o altro ente. A titolo puramente esemplificativo e non esaustivo viene raccolto ad esempio il nome e il cognome, l’indirizzo di posta elettronica [e-mail], l’indirizzo, un recapito postale o altro recapito di carattere fisico, la qualifica, la data di nascita, il genere, il lavoro, l’attività commerciale, gli interessi personali e le altre informazioni necessarie per la prestazione dei servizi richiesti e per contattare l’utente.

Dati di navigazione

La navigazione sul sito può avvenire in forma anonima.

Per la navigazione in aree riservate l’utente avrà la possibilità di salvare le proprie credenziali (identificativo assegnato dall’amministratore del sistema con cui è avvenuta la registrazione e la password inviata all’indirizzo e-mail del richiedente della quale l’amministratore del sito non è a conoscenza).

A tal proposito si precisa che la scuola non compie operazioni di raccolta dati dell’utente con modalità automatiche, incluso l’indirizzo di posta elettronica [email].

La PRRC nel rispetto della normativa vigente in tema di tutela di dati personali, al solo fine di avere contezza dell’area visitata e della durata della visita stessa, può registrare l’indirizzo IP dell’utente (Internet Protocol, vale a dire l’indirizzo Internet del computer dell’utente). In questo caso i dati verranno utilizzati esclusivamente per ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e controllarne il corretto funzionamento e verranno cancellati immediatamente dopo l’operazione. I dati, tuttavia, possono essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità nell’ipotesi di reati informatici ai danni del sito; ciò, ad eccezione dei casi in cui si tratti di un utente registrato che abbia ricevuto la preventiva informativa e che abbia prestato il proprio consenso al trattamento, avverrà comunque senza mettere in relazione l’indirizzo IP dell’utente con altre informazioni personali relative allo stesso. Come molti altri siti web aventi carattere e contenuto indirizzato ai servizi, il sito della scuola può impiegare una tecnologia standard chiamata “cookie” per raccogliere informazioni sulle modalità di uso del sito da parte dell’utente. Per ulteriori informazioni, l’utente è invitato a consultare la sezione “Cookies”.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’Istituto, per consentire l’accesso alle aree riservate, raccoglie i dati personali dell’utente in occasione della sua registrazione e, al fine di attivare un account, assegna un CODICE UTENTE e una password, necessari per usufruire di determinati prodotti o servizi offerti dalla scuola. In particolare la registrazione è necessaria per partecipare al forum, per usufruire di chat, per inviare messaggi ad altri iscritti, per inserire commenti alle notizie, quando l’utente chieda di ricevere determinate e-mail, di essere inserito in una mailing-list o quando l’utente, per qualsiasi altra ragione, comunica i propri dati alla scuola. Quest’ultima usa tali informazioni solamente ove le stesse siano state legittimamente raccolte in conformità alla presente Policy e nel rispetto della normativa vigente. Si ribadisce che alcuni servizi web del sito prevedono l’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica; ciò comporta acquisizione dell’indirizzo del mittente (necessario per rispondere alle richieste) e degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi (disclaimer) possono essere visualizzate con apposito link nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta (come la pagina contatti). E’ inoltre indicato il trattamento di dati sensibili o giudiziari forniti dall’utente nel corpo della mail.

Comunicazione di Dati Personali

In caso di raccolta di dati personali, la PRRC informerà l’utente sulle finalità della raccolta al momento della stessa e, ove necessario, richiederà il consenso dell’utente. La scuola, salvo quanto di seguito previsto nella Sezione “Ambito di Comunicazione e Diffusione di Dati Personali”, non comunicherà i dati personali dell’utente a terzi senza espresso consenso. Se l’utente decide di fornire alla scuola i propri dati personali, gli stessi potranno essere comunicarli all’interno dell’Istituto o a terzi che prestano servizi alla scuola, ovviamente nel rispetto delle vigenti disposizioni (si veda a tal proposito informativa privacy pubblicata sul sito). la PRRC invierà all’utente eventuale materiale relativo ad attività di informazione e a ricerche di mercato solo dopo averlo informato e averne ottenuto il consenso.

Cookies

Un cookie è un piccolo file di testo che alcuni siti web inviano all’hard drive dell’utente in occasione della visita al sito. Un cookie può contenere informazioni quali un ID dell’utente che il sito usa per controllare le pagine visitate; si precisa, tuttavia, che le uniche informazioni di carattere personale che un cookie può contenere sono quelle fornite dall’utente stesso. Un cookie non può leggere i dati presenti sull’hard disk dell’utente o leggere i cookies creati da altri siti. Alcune aree del sito dell’Istituto impiegano cookies per registrare le modalità di navigazione degli utenti sul sito. L’Istituto si serve di cookies per determinare il grado di utilità delle informazioni che fornisce ai propri utenti e per verificare l’efficacia della struttura di navigazione del sito in relazione al supporto di aiuto offerto all’utente per ottenere quell’informazione. Se l’utente non desidera ricevere cookies durante la navigazione sul sito, può programmare il proprio browser in modo da essere avvertito prima di accettare cookies e rifiutarli quando il browser avvisa della loro presenza. L’utente può anche rifiutare tutti i cookies disattivandoli nel proprio browser, anche se in tal modo non sarebbe poi in grado di sfruttare in pieno i servizi del sito. In particolare, all’utente potrebbe essere chiesto di accettare cookies al fine di compiere determinate operazioni. Tuttavia, non è necessario che l’utente accetti tutti i cookies per usare/navigare in molte aree del sito, salvo il caso in cui, per l’accesso a specifiche pagine web, siano necessari la registrazione e una password.

Finalità e Modalità di trattamento dei Dati Raccolti

la PRRC tratta i dati personali dell’utente per le seguenti finalità di carattere generale: per soddisfare le richieste a specifici prodotti o servizi, per personalizzare la visita al sito, per aggiornare l’utente in relazione ai servizi della scuola o ad altre informazioni di suo interesse (provenienti direttamente dell’Istituto o dai suoi partners), per comprendere meglio i bisogni dell’utente e offrire allo stesso servizi migliori. Il trattamento di dati personali da parte dell’Istituto per le finalità sopra specificate avviene in conformità alla normativa vigente in materia di privacy.

Ambito di comunicazione e diffusione di dati personali

I dati personali non vengono comunicati al di fuori della realtà dell’Istituto senza il consenso dell’interessato, salvo quanto in seguito specificato. Nell’ambito dell’organizzazione della scuola, i dati sono conservati in server controllati cui è consentito un accesso limitato in conformità alla normativa vigente. la PRRC può comunicare i dati personali dell’utente a terzi in uno dei seguenti casi: quando l’interessato abbia prestato il proprio consenso alla comunicazione; quando la comunicazione sia necessaria per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente; quando la comunicazione sia necessaria in relazione a terzi che lavorano per conto dell’Istituto per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente (la scuola comunicherà a questi ultimi solo le informazioni che si rendono necessarie in relazione alla prestazione del servizio, senza che i dati possano essere trattati per finalità diverse); per fornire le informazioni necessarie e relative all’Istituto stesso, nonché agli altri enti ad esso collegati (in qualsiasi momento l’utente potrà richiedere di non ricevere più tale tipo di comunicazioni). la PRRC inoltre divulgherà i dati personali dell’utente nel caso in cui ciò sia richiesto dalla legge.

Diritti dell’utente; User Account

Se l’utente è registrato, per richiedere la cancellazione del proprio account o qualsiasi altro proprio dato personale deve inviare una mail al responsabile della gestione/aggiornamento del sito.

Sicurezza dei dati

Le informazioni dell’account sono protette da una password per garantire la riservatezza e la sicurezza dell’utente. la PRRC adotta tutte le misure di sicurezza e le procedure fisiche, elettroniche e organizzative richieste dalla normativa vigente. Anche se la scuola fa quanto ragionevolmente possibile per proteggere i dati personali dell’utente, la stessa non può garantire la completa totale sicurezza dei dati personali dell’utente durante la comunicazione. A tal proposito la PRRC invita l’utente ad adottare tutte le misure precauzionali per proteggere i propri dati personali quando naviga su Internet. L’utente, ad esempio, è invitato a cambiare spesso la propria password (che preferibilmente dovrà essere composta da una combinazione di lettere e numeri) e ad assicurarsi di fare uso di un browser sicuro.

Minori e privacy

Il sito web della PRRC è pensato per un utilizzo anche da parte di minori di 18 anni in quanto presenta contenuti puramente didattici e culturali. Quindi la scuola, in fase di iscrizione al sito, non richiede la maggiore età dell’utente.

Siti di terzi

Il sito web dell’Istituto può contenere links ad altri siti. La scuola non condivide i dati personali dell’utente con questi siti e non è responsabile delle pratiche degli stessi in relazione alla tutela e al trattamento di dati personali. La PRRC invita l’utente a prendere visione della politica della privacy di tali siti per conoscerne le modalità di trattamento e raccolta dei dati personali.

Modifiche della politica della privacy

La PRRC in relazione all’evoluzione della normativa, potrà modificare la presente policy della privacy, dandone adeguata comunicazione attraverso la pubblicazione sul sito.
Informativa privacy aggiornata il 22/12/2022 11:50
torna indietro leggi POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
 obbligatorio
generic image refresh


Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie