13 Agosto 2020

Vertical Faeta 2015: la passista scongelata

10-02-2015 15:07 - Mondo Trail, Ultra, Sky ed Extreme!
All´apparenza sembrava fredda e distaccata. Per chi la incontrava per la prima volta poteva benissimo essere una del nord; un nord estremo: uno di quei posti come la Lapponia o l´estrema Alaska: dove i sentimenti sono congelati e sepolti sotto metri e metri di ghiaccio; come tutto il resto, del resto: la case, la natura, i laghi, perfino il mare se si sale abbastanza sul planisfero. E, all´apparenza fredda e distaccata, era anche quel giorno; o almeno così sembrava. Era una domenica mattina ed era in servizio in vetta a un monte chiamato Faeta. Era sulla linea del traguardo di una gara chiamata Vertical Faeta: una corsa per gente che non ama troppo il divano di casa e le pantofole e che non si risparmia troppo. C´era neve e ghiaccio dappertutto e si sarebbe detto che, tutto l´ambiente, dai colori alla temperatura e perfino il grado di umidità relativa, facessero pendant con lei; con il modo di essere lei. Fu lei a dire a lui - con un tono che sapeva un po´ di rimprovero - "ma come? con la musica...", mentre guardava lui che il freddo dentro lo teneva solo per le emergenze: un fagottino buttato chi sa dove nei meandri del cervello con la scritta "ice" (ghiaccio): In Case of Emergency. Lui aveva le cuffie e David Guetta pompava bpm a tutta gargana. Le parole di lei gli ricordarono quelle di Laura Sbrana, la prof di italiano del liceo: una che gli voleva bene ma lo considerava una simpatica testa calda con buone potenzialità inespresse. Lui allargò le braccia come per giustificarsi "son fatto così... Vado a bere qualcosa di caldo!" Adesso quei ricordi sono così vivi che sembrano il presente...
Ora sono lì: uno di fronte all´altra. Gente che passa. Altri gladiatori e gladiatrici che raggiungono il traguardo. Sorrisi, smorfie di dolore, la fatica disegnata su volti da cui traspare qualcosa che è molto simile alla felicità. Un altro bicchiere di the caldo, un pezzo di cioccolata, ancora gente che arriva; poi qualche foto. Ancora qualche attimo ed è il momento dei saluti. Nella confusione generale neanche si vedono più. O forse è lui che non vede più lei... "Tanto ha tante cose da fare. Non serve neanche che la saluti. Non voglio disturbarla." Ma all´improvviso una frase attraversa l´aria fredda e umida; è una frase calda, una richiesta che viene da sotto quello strato di ghiaccio e arriva a lui infilandosi tra il timpano e David Guetta...
"Mauro... Voglio un foto col grande Marchetti!"
Mauro è sempre pronto e fa "click". Il Marchetti è sempre pronto e fa "smack".


Fonte: Enrico Marchetti



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio