01 Ottobre 2020

BerlinMarathon: e pensare che non volevo più andarci...

29-09-2013 23:25 - Aquile in giro per il mondo!
Maurizio dopo l´arrivo alla BerlinMarathon 2013
Giornata epocale. Premetto che, essendo arrivato dall´Australia direttamente a Berlino e avendo avuto mesi di Agosto e settembre troppo incasinati per la vera preparazione, avevo pensato di cancellare la mia partecipazione a Berlino. Se lo avessi fatto, me ne sarei pentito: partecipare ad una gara storica in cui viene stabilito il record del mondo e´ motivo estremo di orgoglio per me, appassionato di maratone, e per tutti coloro i quali si sono cimentati insieme a me in questo giorno memorabile nel correre i 42km e 195 metri della quarantesima edizione della maratona di Berlino. Con poco sonno, fuso orario sballato, etc, chiudo in 3 ore e 59 minuti, appena sotto le 4 ore. Lontano dal mio Personal best, ma felice. Un pianista che suona circa 85/90 concerti all´anno può correre solo per passione..... E oggi devo dire grazie a due persone: Silvia, che qui bacio nel passaggio all´undicesimo chilometro, e a mio padre, che sarebbe fiero del fatto che ho concluso la Corsa con passo regolare: " costanza, determinazione, concentrazione " mi diceva, lui che era un vero hard runner. Per il Personal best , aspettiamo Amsterdam 2014? Vedremo.... La gioia di aver corso e´ superiore a tutto, oggi. Perché ringrazio Silvia? Perché stamattina, dopo averla svegliata alle 5.15 e averle raccomandato di dormire un pochino, l´ho precipitosamente richiamata alle 6.48 perché avevo dimenticato la mia carta di identità in hotel e dovevo ritirare il braccialetto per il secondo controllo di sicurezza. lei è arrivata in taxi a 3 km dal nostro punto di ritrovo! Con la mia carta di identità! Santa Silvia, dicono gli amici.... Insomma, una giornata dalle emozioni forti, in cui tutti i medici amici miei mi avevano fortemente sconsigliato di correre per il tempo. Da persona ragionevolmente pazza, quindi, ho capito subito che dovevo solo divertirmi. E potrò sempre dire : " io c´ero ! ". Già, perché Wilson Kipsang ha corso in due ore e 23 secondi! Arte pura.... Amici, vi assicuro che suonare i 24 Studi di Chopin e i 12 Trascendentali di Liszt non è paragonabile alla fatica di una maratona. Grazie babbo.... Mancavi solo tu, ma magari ti diverti lo stesso.... Chissà! Ciao a tutti, Maurizio

ps: comunque, mi sono messo dietro altri 25.000 runners ...




Fonte: Maurizio Baglini



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio