10 Agosto 2020

Cascina: lasciar andare (Isa) senza giudicare e senza giudicarsi ...

09-12-2014 23:37 - Report su marce ludiche e vari commenti
Avevo da poco congedato Isa e appena capito cosa s´intenda, in un´ottica di consapevolezza mindfulness, per "lasciar andare senza guidicare e senza giudicarsi, senza associare all´evento particolari sensazioni o emozioni; accettare e accettarsi. bastare a se stessi". avevo capito che il bicchiere mezzo pieno ero io, lì, in quel momento, su quel sentieto, con tutto quel poco - che in realtà era, ed è, tanto. sì. lo capivo e, a bocce ferme, lo capisco anche adesso - che, in quel momento, avevo tante cose lì, in quel bosco: ovvero la possibilità, la gioia e la libertà di poter correre, respirare, vedere cose belle, sentire i rumori e gli odori piacevoli della natura intorno a me, eccetera. e mi chiedevo... "allora è questo il mistico Nirvana? basta solo questo e un po´ di autoconvincimento per sentirsi bene. bene... ecco fatto! ci sono riuscito! " Quindi, mi ripetevo ancora, "Ormai bàstati!.. Isa è andata e non la ribecchi più... è più forte e più veloce di te! mettici un toppino!",
e sulla scia del mistico entusiasmo, come uomo terraterra della porta accanto in cui mi riconosco, pensavo anche che è vero - è proprio vero! - quando dicono che la vita è quello che ti accade sotto il naso mentre sei distratto ad occuparti di altro. e anche quando dicono che è vero... che ogni sognatore diventerà cinico invecchiando; ma poi, la parte meno consapevole, più ribelle, un po´ poetica e anche un po´ teppistica dentro di me, che poi se ci penso bene è anche la parte preponderante, non ne voleva proprio sapere di cinismo, di smettere di sognare, di giochi di prestigio e teorie di autoipnosi per diventa´ bonzi manzi e quieti come Fonzie, e ha cominciato a dire vaffanculo e anche porcaputtana; e poi anche devi dimagri´ dell´altro, rinforzare le caviglie, allenarti, corrrere ancora e fino a quando ce la fai; devi butta´ fori sudore, sangue e ancora tante altre volte il cuore oltre l´ostacolo, perché, va bene la consapevolezza e tutto quanto ma tanto... chi nasce tondo non muore quadrato, ed è quello il tu´ modo di sta´ a questo mondo, e un ci puoi fa´ più di tanto; è sempre stato quello, e sempre quello sarà: a te ti ci vole pioggia... vento... e sangue nelle vene! hai voglia di be´ ´ova...

Fonte: Enrico Marchetti



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio