23 Settembre 2020
News

Dal Parlamento al Passatore

26-05-2013 23:15 - Amici delle Aquile
Una foto d´archivio di Paolo Cova (onorevole passatorista)
Sabato ho corso la 100km del Passatore.
Vorrei fare due ringraziamenti e parlare di due consigli ricevuti, possono sembrare superflui ma è giusto riconoscere che nessuno di noi va da solo da alcuna parte .

Il primo ringraziamento all´amico Pino che da fedele accompagnatore è sempre stato al posto giusto nel momento giusto. Avere un indumento asciutto in alcune occasioni è un bene prezioso.
Il secondo ringraziamento all´amico Marco,che alcuni di voi conoscono, perchè correre con lui consente di avere la serenità di affrontare le difficoltà.

I due consigli ricevuti.
Uno dai libri di Pietro Trabucchi: non volevo più venire al Passatore, ma leggerli mi ha spinto a tornare con un approccio diverso. Con impegno si possono scalare le montagne.
Secondo da Luca Speciani: ho letto alcuni suoi articoli sull´alimentazione in gara per le ultra.
Alimentarsi senza cibi solidi ma solo con liquidi ed in particolare una soluzione al 5%di glucosio.
Dopo le ultime 4 partecipazioni al Passatore con problemi di stomaco al 30-35km e con due ritiri, ieri sono arrivato senza problemi fino al 85km.

La corsa è stata caratterizzata dalla pioggia e dal freddo per quasi tutto il tempo che ho corso. Sono partito con un passo relativamente tranquillo insieme a Marco, volevo arrivare a Borgo bene senza problemi. Abbiamo affrontato la salita della Colla nell´unico momento dove non pioveva, ho scoperto con stupore che fino al 42km sono riuscito a correre sempre. Questo mi ha dato una buona iniezione di entusiasmo.
Alla Colla sembrava di essere precipitati in pieno inverno. C´erano circa 2°-3° in mezzo alle nuvole, siamo ripartiti velocemente per evitare di prendere troppo freddo. Alcuni chilometri dopo mi sono cambiato la maglietta bagnata e con indumenti asciutti è iniziata la discesa.
Dal 15km ho preso una zolletta di zucchero e acqua ogni 10km, mentre negli altri ristori o the caldo o acqua.
I profumi lungo il percorso sono cambiati, spesso c´era odore di legna che bruciava nei camini, mentre negli anni scorsi era frequente sentire profumi di salamelle...
La corsa è proseguita regolare fino al 85km e poi dopo il controllo di Brisighella sono entrato in crisi e ho cominciato a correre e camminare. Devo dire che la tentazione di ritirarmi è stata fortissima. La testa ha cominciato a fare pensieri e ragionamenti che spingevano a fermarsi ma ormai mancavano solo 6km e non volevo farlo. Nella mia testa c´era solo l´idea che ero andato piano nei 90km precedenti e che non sarei mai arrivato. Cosi questi pensieri mi hanno rallentato fermando le gambe.
I dati dicono che gli ultimi 11km li ho camminati in 2:20´. Una enormità!
Me ne sono accorto solo questa mattina guardano i tempi .
Alla fine sono ampiamente contento, ho chiuso in 13:43´ il mio peggior tempo al Passatore ma con il Piatto in più in casa.

Ciao Paolo Cova
---
Grazie a te Paolo, Onorevole alla Camera dei Deputati (PD) da due mesi ed amico del sottoscritto da oltre 10 anni grazie ai DRS italiani. (Andrea M.)

Fonte: Paolo Cova



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio