18 Giugno 2024
Francesco (a sinistra) al via da Courmayer. Nel mezzo Nicola Pratesi

Tor des Geants: il racconto di Bellinvia (parte 1)

E´domenica mattina, siamo a Courmayeur e piove già da parecchie ore.
Accalcati sulla linea di partenza, siamo in 800.
Nel volto di ognuno di noi traspaiono emozioni miste tra l´allegria la preoccupazione l´ansia ...la paura.
Ci chiediamo cosa ci attenderà in quota stanotte sui tremila metri dei passi che ci separano a Cogne.
Intorno a me gente di tutte le età comprese tra i venti e i 77 anni (!), provenienti da tutto il mondo (41 paesi), accomunati dallo stesso sogno.
Un sogno apparentemente impossibile, 330 km 24000 m dislivello positivo.
Sembra quasi uno scherzo.
Una nuova percezione spazio-temporale apparentemente estranea all´uomo moderno.

Mentre scrivo sono comodamente seduto nella macchina che corre verso sud, fuori piove... provo così a lasciar correre i pensieri ancora confusi provo a raccogliere i pezzi di un puzzle che sono lì sul tavolo li guardo ma non so da dove cominciare.
Era partita come gara, è poi diventata un viaggio. Uno di quei viaggi dai quali non puoi che uscirne cambiato ...

Il primo giorno si parte, appunto, sotto la pioggia.
In alto, ad un certo punto, si trasformerà in grandine e neve...
Ci vuole anche un pò di fortuna.
Ci sono piovaschi e temporali un po in qua e in la ed io riesco a prenderli sempre in discesa (che è meglio, almeno stai scendendo ed è meno freddo).
Ma molti li prendono in salita sino in cima, ai Passi e per loro sarà peggio (una decina saranno ricoverati in ipotermia). 
A Valgrisanche arrivo insieme a Marco Beretta e Giuliana Arrigoni due forti atleti Lombardi ... sono contento di poter stare con loro.
Marco ha grande esperienza e sa come gestire la situazione in un´ottica comunque ambiziosa, la situazione mi alletta.

Ripartiamo dalla base vita dopo 35 minuti (in cui mi sono fatto la doccia, cambiato ,mangiato)
La notte è tempestosa con pioggia e freddo.
Saliamo spediti senza parlare ...
Al rifugio Epee la sosta con tè caldo e per due parole con il rifugista che mi riconosce e ci rassicura informandoci che per le quattro del mattino circa arriverà il bel tempo (ma anche un notevole abbassamento delle temperature) ...
Raggiugiamo i 2870 metri del Col Fenetre mentre la pioggia si è trasformata in neve (debole per fortuna)
La disesa verso Rhemes-Notre Dames è vertiginosa e resa insidiosa da poggia e neve ...
Dopo il ristoro di Rhemes si riparte in direzione dell´Entrelor ma Marco ci annuncia di stare male. La bronchite che lo affliggeva è peggiorata e respira male.. Purtroppo decide di ritirarsi.
Nel frattempo ci raggiunge Andrea Gallo e Andrea Plat vecchie conoscenze degli anni doro dell´arrampicata, sono bei momenti si chiacchera amabilmente per un pò per poi venire sopraffatti dalla durezza delle condizioni sull´ultima parte della salita.
Ora il tempo è migliorato.... ma fa freddo con il vento, in più, noi siamo umidi e ci ghiacciamo di brutto!

Meno male dopo il Passo cala il vento, si corre verso valle mezzi congelati...
Arrivo a Eaux-Rousses in Valsavaranche verso le 4 e mezzo del matttino.
Ora ci aspetta una delle salite più lunghe del Tor ... Il col Loson che con i suoi 3290 metri è la cima Coppi della gara.
Decido che è meglio riposare, così mangio e mi vado a sdraiare in una branda di un tendone.
La luce è accesa ogni momento arriva gente molti ipotermici vengono aiutati dal personale sanitario ...io sono troppo "schizzato" comunque riesco ad entrare in un dormiveglia di 30 min.
Poi mi alzo e decido di ripartire, intanto si è fatto giorno...ora sono solo, i miei compagni sono già andati. Vengo informato che un concorrente è cascato scendendo dal Col della Crosatie dicono che sia morto...il velo della tragedia scende su tutti noi.
Pare ci siano già polemiche non si sa se la gara continuerà.
Personalmente penso semplicemente che chi prende parte a questo tipo di gara debba dimostrare di avere una certa esperienza in merito...accettare tutti secondo me è un errore.
Per il resto la montagna ha le sue leggi e di sicuro queste gare non potrammo mai garantire una totale sicurezza a chi vi prende parte.

Salgo verso il Loson sono dentro al Parco del Granparadiso, il vallone che si apre dopo la zona boschiva è di una bellezza sconcertante, pascoli e ruscelli incorniciati da balze rocciose colorate dal grigio all´ocra al rosso... sulla destra salendo tranquillo pascola un branco di camosci, più su un´altro di stambecchi.
Senza smettere di camminare li osservo ...

Alla fine arrivo sull´ultima parte, un ghiaione nero solcato da un sentierino ripido a tratti ghiacciato, l´approssimarsi del colle mi da´ slancio e voglio spingere l´acceleratore al massimo ..voglio sentire di dominare la situazione (ogni tanto è importante esaltarsi...ma mai esagerare!)
Un concorrente americano è seduto a poche decine di metri dal passo esausto mi guarda salire...accelero digrignando i denti! Quando arrivo davanti a lui mi regala un soddisfacente "good job".
Sono in cima, scendo giù passando dal Rifugio Sella, una lunga discesa, ora si va verso le ore calde e comincio a sentire la stanchezza...

Prima di arrivare a Cogne incontro Lorenza e Andrea Loprieno (che qui é di casa) e con loro raggiungo la base vita (sono le 14 circa sono 26 ore che, tolta la mezzora di pseudo-sonno, sono in azione)
Sono veramente cotto (ecco qui rianalizzando la situazione mi sarei dovuto fermare e dormire anche solo una o due ore).
Nel frattempo mi raggiungono Alessandro Gilardoni e Marco Cirla, i due ritardatari del gruppo Comasco (o giù di li) hanno una fretta fottuta la temibile tabella realizzata da Marco Beretta... "Lui non sente seghe: c´è da ripartire al più presto...acc che fare? Andare con loro partendo distrutto o più saggiamente riposare? Via vai! Vado! Vediamo che succede ..."
Non so perchè ma quando c´è da prendere una decisione di questo tipo ,almeno io decido sempre la più dolorosa...
Vabbè, Alessandro lo conosco già e mi è sempre stato simpatico...è uno di quelli che lo vedi la prima volta e dici: "Ma questo vi dove vole andare!?" Ma non è così, è uno veramente forte...
Marco non lo conosco, ma parla poco e questo è già abbastanza perche mi stia simpatico.
Così, ahimè, partiamo verso le 16 (?) a spron battuto io sono "sfatto" di brutto e ben presto vengo lasciato indietro.

Ritrovo i miei compagni al Rifugio Sogno, sotto alla finestra di Champorcher.
Lì mangio e bevo dopo di che mi riprendo bene ritrovando un buon passo sino alla finestra ... sono le 20 ora pare ci tocca una discesa di 30 km di cui tutti mi hanno parlato male...infinita faticosa impervia roba che non passa più! Si rivelerà parecchio peggio delle aspettative ...di sicuro tornerà a trovarmi sotto forma di incubo ...
Tralasciamo ulteriori approfondimenti (andatevela a vedere!): ore 3 del mattino di martedi dopo 4 km di giro turistico delle rovine romane di Donnas e dintorni arrivo in stato catalettico alla base vita di Donnas, pronto per affrontare i temibili test su tempi di reazione, sonno, stress ossidativo, ecc ecc.
Sono però contento di vedere il gruppo di ricercatori del CNR di cui fa parte anche Lorenza ...
Li vedo soddisfatti dal modo in cui mi guardano e guardano anche gli altri concorrenti.
Si intuisce che hanno capito di avere sotto mano del materiale raro di essere umano in involuzione (Evoluzione) verso una versione "selvaggia".A Donnas dormo un´ora e mezzo di sonno poco convincente , fa caldo inoltre piedi con le ginocchia mi pulsano dolorosamente.

Mi rialzo, più morto che vivo, e con estrema lentezza svolgo le varie mansioni prima della partenza.
Fra una cosa e l´altra parto tardi: sono infatti le sei...

Comincio, dentro di me, ad intuire che debbo lasciare decidere tempi e ritmi al mio corpo..lui è più saggio di me .. se voglio avere una possibilità non debbo interferire!

Comunque sono passati tre giorni in cui ho dormito 2h 30´...mi sento decisamente stanco il mio passo si fa lento, barcollo ma decido che quello è il mio destino ....

Fine prima parte ..........

Fonte: Francesco Bellinvia



POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE

Titolare e responsabile del trattamento dei dati

Il Titolare del trattamento è La Pisa Road Runners Club ASD (di seguito PRRC) in persona del suo legale rappresentante pro tempore con sede legale c/o Studio Commerciale Cambi Toscano - Via Renato Fucini 49 - 56100 Pisa (PI) - P.I. 02050770508

Rispetto della Privacy

La PRRC rispetta la privacy dei propri utenti e si impegna a proteggere i dati personali che gli stessi gli conferiscono. In generale, l’utente può navigare sul sito web dell’Istituto senza fornire alcun tipo di informazione personale. La raccolta e il trattamento dei dati personali avvengono, se necessario, in relazione all’esecuzione di servizi richiesti dall’utente, o quando l’utente stesso decide di comunicarlo; in tali circostanze la presente politica della privacy illustra le modalità e i caratteri di raccolta e trattamento dei dati personali dell’utente.

La PRRC tratta i dati personali forniti in conformità alla normativa vigente.

Raccolta di Dati Personali

Per “dati personali” s’intende qualsiasi informazione che possa essere impegnata per identificare un individuo, una società o altro ente. A titolo puramente esemplificativo e non esaustivo viene raccolto ad esempio il nome e il cognome, l’indirizzo di posta elettronica [e-mail], l’indirizzo, un recapito postale o altro recapito di carattere fisico, la qualifica, la data di nascita, il genere, il lavoro, l’attività commerciale, gli interessi personali e le altre informazioni necessarie per la prestazione dei servizi richiesti e per contattare l’utente.

Dati di navigazione

La navigazione sul sito può avvenire in forma anonima.

Per la navigazione in aree riservate l’utente avrà la possibilità di salvare le proprie credenziali (identificativo assegnato dall’amministratore del sistema con cui è avvenuta la registrazione e la password inviata all’indirizzo e-mail del richiedente della quale l’amministratore del sito non è a conoscenza).

A tal proposito si precisa che la scuola non compie operazioni di raccolta dati dell’utente con modalità automatiche, incluso l’indirizzo di posta elettronica [email].

La PRRC nel rispetto della normativa vigente in tema di tutela di dati personali, al solo fine di avere contezza dell’area visitata e della durata della visita stessa, può registrare l’indirizzo IP dell’utente (Internet Protocol, vale a dire l’indirizzo Internet del computer dell’utente). In questo caso i dati verranno utilizzati esclusivamente per ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e controllarne il corretto funzionamento e verranno cancellati immediatamente dopo l’operazione. I dati, tuttavia, possono essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità nell’ipotesi di reati informatici ai danni del sito; ciò, ad eccezione dei casi in cui si tratti di un utente registrato che abbia ricevuto la preventiva informativa e che abbia prestato il proprio consenso al trattamento, avverrà comunque senza mettere in relazione l’indirizzo IP dell’utente con altre informazioni personali relative allo stesso. Come molti altri siti web aventi carattere e contenuto indirizzato ai servizi, il sito della scuola può impiegare una tecnologia standard chiamata “cookie” per raccogliere informazioni sulle modalità di uso del sito da parte dell’utente. Per ulteriori informazioni, l’utente è invitato a consultare la sezione “Cookies”.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’Istituto, per consentire l’accesso alle aree riservate, raccoglie i dati personali dell’utente in occasione della sua registrazione e, al fine di attivare un account, assegna un CODICE UTENTE e una password, necessari per usufruire di determinati prodotti o servizi offerti dalla scuola. In particolare la registrazione è necessaria per partecipare al forum, per usufruire di chat, per inviare messaggi ad altri iscritti, per inserire commenti alle notizie, quando l’utente chieda di ricevere determinate e-mail, di essere inserito in una mailing-list o quando l’utente, per qualsiasi altra ragione, comunica i propri dati alla scuola. Quest’ultima usa tali informazioni solamente ove le stesse siano state legittimamente raccolte in conformità alla presente Policy e nel rispetto della normativa vigente. Si ribadisce che alcuni servizi web del sito prevedono l’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica; ciò comporta acquisizione dell’indirizzo del mittente (necessario per rispondere alle richieste) e degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi (disclaimer) possono essere visualizzate con apposito link nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta (come la pagina contatti). E’ inoltre indicato il trattamento di dati sensibili o giudiziari forniti dall’utente nel corpo della mail.

Comunicazione di Dati Personali

In caso di raccolta di dati personali, la PRRC informerà l’utente sulle finalità della raccolta al momento della stessa e, ove necessario, richiederà il consenso dell’utente. La scuola, salvo quanto di seguito previsto nella Sezione “Ambito di Comunicazione e Diffusione di Dati Personali”, non comunicherà i dati personali dell’utente a terzi senza espresso consenso. Se l’utente decide di fornire alla scuola i propri dati personali, gli stessi potranno essere comunicarli all’interno dell’Istituto o a terzi che prestano servizi alla scuola, ovviamente nel rispetto delle vigenti disposizioni (si veda a tal proposito informativa privacy pubblicata sul sito). la PRRC invierà all’utente eventuale materiale relativo ad attività di informazione e a ricerche di mercato solo dopo averlo informato e averne ottenuto il consenso.

Cookies

Un cookie è un piccolo file di testo che alcuni siti web inviano all’hard drive dell’utente in occasione della visita al sito. Un cookie può contenere informazioni quali un ID dell’utente che il sito usa per controllare le pagine visitate; si precisa, tuttavia, che le uniche informazioni di carattere personale che un cookie può contenere sono quelle fornite dall’utente stesso. Un cookie non può leggere i dati presenti sull’hard disk dell’utente o leggere i cookies creati da altri siti. Alcune aree del sito dell’Istituto impiegano cookies per registrare le modalità di navigazione degli utenti sul sito. L’Istituto si serve di cookies per determinare il grado di utilità delle informazioni che fornisce ai propri utenti e per verificare l’efficacia della struttura di navigazione del sito in relazione al supporto di aiuto offerto all’utente per ottenere quell’informazione. Se l’utente non desidera ricevere cookies durante la navigazione sul sito, può programmare il proprio browser in modo da essere avvertito prima di accettare cookies e rifiutarli quando il browser avvisa della loro presenza. L’utente può anche rifiutare tutti i cookies disattivandoli nel proprio browser, anche se in tal modo non sarebbe poi in grado di sfruttare in pieno i servizi del sito. In particolare, all’utente potrebbe essere chiesto di accettare cookies al fine di compiere determinate operazioni. Tuttavia, non è necessario che l’utente accetti tutti i cookies per usare/navigare in molte aree del sito, salvo il caso in cui, per l’accesso a specifiche pagine web, siano necessari la registrazione e una password.

Finalità e Modalità di trattamento dei Dati Raccolti

la PRRC tratta i dati personali dell’utente per le seguenti finalità di carattere generale: per soddisfare le richieste a specifici prodotti o servizi, per personalizzare la visita al sito, per aggiornare l’utente in relazione ai servizi della scuola o ad altre informazioni di suo interesse (provenienti direttamente dell’Istituto o dai suoi partners), per comprendere meglio i bisogni dell’utente e offrire allo stesso servizi migliori. Il trattamento di dati personali da parte dell’Istituto per le finalità sopra specificate avviene in conformità alla normativa vigente in materia di privacy.

Ambito di comunicazione e diffusione di dati personali

I dati personali non vengono comunicati al di fuori della realtà dell’Istituto senza il consenso dell’interessato, salvo quanto in seguito specificato. Nell’ambito dell’organizzazione della scuola, i dati sono conservati in server controllati cui è consentito un accesso limitato in conformità alla normativa vigente. la PRRC può comunicare i dati personali dell’utente a terzi in uno dei seguenti casi: quando l’interessato abbia prestato il proprio consenso alla comunicazione; quando la comunicazione sia necessaria per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente; quando la comunicazione sia necessaria in relazione a terzi che lavorano per conto dell’Istituto per fornire il prodotto o il servizio richiesto dall’utente (la scuola comunicherà a questi ultimi solo le informazioni che si rendono necessarie in relazione alla prestazione del servizio, senza che i dati possano essere trattati per finalità diverse); per fornire le informazioni necessarie e relative all’Istituto stesso, nonché agli altri enti ad esso collegati (in qualsiasi momento l’utente potrà richiedere di non ricevere più tale tipo di comunicazioni). la PRRC inoltre divulgherà i dati personali dell’utente nel caso in cui ciò sia richiesto dalla legge.

Diritti dell’utente; User Account

Se l’utente è registrato, per richiedere la cancellazione del proprio account o qualsiasi altro proprio dato personale deve inviare una mail al responsabile della gestione/aggiornamento del sito.

Sicurezza dei dati

Le informazioni dell’account sono protette da una password per garantire la riservatezza e la sicurezza dell’utente. la PRRC adotta tutte le misure di sicurezza e le procedure fisiche, elettroniche e organizzative richieste dalla normativa vigente. Anche se la scuola fa quanto ragionevolmente possibile per proteggere i dati personali dell’utente, la stessa non può garantire la completa totale sicurezza dei dati personali dell’utente durante la comunicazione. A tal proposito la PRRC invita l’utente ad adottare tutte le misure precauzionali per proteggere i propri dati personali quando naviga su Internet. L’utente, ad esempio, è invitato a cambiare spesso la propria password (che preferibilmente dovrà essere composta da una combinazione di lettere e numeri) e ad assicurarsi di fare uso di un browser sicuro.

Minori e privacy

Il sito web della PRRC è pensato per un utilizzo anche da parte di minori di 18 anni in quanto presenta contenuti puramente didattici e culturali. Quindi la scuola, in fase di iscrizione al sito, non richiede la maggiore età dell’utente.

Siti di terzi

Il sito web dell’Istituto può contenere links ad altri siti. La scuola non condivide i dati personali dell’utente con questi siti e non è responsabile delle pratiche degli stessi in relazione alla tutela e al trattamento di dati personali. La PRRC invita l’utente a prendere visione della politica della privacy di tali siti per conoscerne le modalità di trattamento e raccolta dei dati personali.

Modifiche della politica della privacy

La PRRC in relazione all’evoluzione della normativa, potrà modificare la presente policy della privacy, dandone adeguata comunicazione attraverso la pubblicazione sul sito.
Informativa privacy aggiornata il 22/12/2022 11:50
torna indietro leggi POLICY DELLA PRIVACY ADOTTATA DALLA SCUOLA SULL’UTILIZZO DEL SITO WEB ISTITUZIONALE
 obbligatorio
generic image refresh


Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie