25 Settembre 2020

Marina di Pisa: storie di Nutella e paesi dei balocchi

27-10-2013 23:18 - Report su marce ludiche e vari commenti
Nutella ad uno dei ristori lungo il percorso
Corsa sofferta, la mia. Ma, forse anche per questo, anche bella: lo stato di forma attuale non è ottimale: qualche chilo ancora di troppo; qualche acciacco del passato che rifà capolino; e poi - maremmamayala...- correre è sempre fatica. Indipendentemente dalla forma del momento, per me la sfida non è il tempo o la distanza ma è sempre quella di trovare il ritmo massimo sostenibile per la distanza che manca all´arrivo. Se lo trovo, sto bene e mi diverto, se forzo troppo o se sono troppo fuori forma, non lo trovo mai e trotterello a tre cilindri come un cavallo bolso spompato ed è un martirio. Oggi, a tratti, mi pareva di averlo trovato il ritmo e l´andatura non era neanche troppo imbarazzante. A tratti ero anche orgoglioso del mio andare. Altri tratti insomma. Altri... No comment, soprattutto quando mi vedevo affiancare e sverniciare da illustri sconosciuti, dei quali ho conosciuto solo la velocità (maggiore della mia), la facilità di corsa (superiore alla mia) e la leggerezza (maggiore della mia); praticamente leggiadri fuscelli fatti con fisici da fantino, allungati dalla testa ai piedi, leggeri e agili come gazzelle. Brutto anche essere superati da sessantenni che non ponzano mentre te sei lì che ponzi... I pensieri da essi generati sono i peggiori. Cazzo ma come fa lui lì? Come sarò io alla sua età? Forse è solo che io non son bono per correre...
Dubbi eterni tra il diretto nesso, tra la forma e lo spazio-tempo stesso.
Ma la corsa è democratica, e infatti poi magari succede che riagguanti un gruppetto di quelli che t´aveva sverniciato qualche chilometro prima e ti ripigli un attimo di testa, e quindi poi anche di fiato, di gambe, di cardiofrequenzimetro eccetera eccetera e, all´improvviso, in un attimo, dall´inferno stai di nuovo in paradiso: hai visto? allora non sei così male... Dai che c´è la fai... Dai che ti puoi ancora regalare qualcosa... Dai che manca poco...
Poi il percorso di oggi. Che posti fantastici: queste corse provinciali ti fanno scoprire posti incredibilmente belli, a volte a dieci minuti da casa. Potenza del podismo operaio e provinciale a costo zero.
Durante quelle poche "tre Province" che ho fatto, durante i tragitti, mi è sempre capitato di pensare che stronzo che sei: non ci volevi venire, stamani hai violentato la tua natura di bradipo in letargo per trascinarti fin qui e durante i primi chilometri (in genere i primi 8-10 km perché non ho mai voglia di fare un riscaldamento serio) hai maledetto il giorno in cui hai deciso di cominciare a correre ma ora ti sembra di essere nel posto migliore in cui potresti essere a quest´ora di domenica mattina, da solo, in mezzo a centinaia di persone, in attesa del prossimo ristoro con Nutella, in attesa del traguardo, in attesa di sentire che il ritmo, la postura, il passo, la frequenza cardiaca, il respiro e tutto quanto, diventino quelli tuoi massimi sostenibili in questo preciso momento, e sai che tutto questo sta per arrivare. Vai così che sei quasi "a temperatura". Quella è la sottile linea tra la disfatta su tutti i fronti e il benessere e il piacere di essere lì. La sottile linea di conforto.
Oggi mentre arrancavo (un termine che, almeno di termine, ultimamente mi è diventato familiare) pensavo all´iscrizione alla Pisa Marathon di dicembre e allo spazio fratto tempo: sono indietro con la preparazione... non è che ho troppo poco tempo da qui a quei 42,195? Non lo so; intanto in quel momento arrancavo e, un chilometro dopo, andavo e stavo bene. Si vedrà... ma è bella anche questa forma di rispetto/timore reverenziale per il 15/12. E, soprattutto, è bello ora aver fatto questi 16 chilometri in posti stupendi mai visti prima a casa nostra e di casa nostra. Dopo 1h 35´ ho visto il traguardo, e ho sentito il Maggini che mi chiamava mentre la pubblica assistenza gli medicava il ginocchio sbucciato: era finita ed ero veramente contento di averla fatta questa tre province nostrana.
Un ringraziamento all´organizzazione ma un ringraziamento particolare a chi ha allestito i ristori con Nutella: rispetto a quelli della mezza maratona, quelli di oggi, sembravano "paesi dei balocchi", e lo dice uno che i ristori se li fa tutti e ci passa minimo 3-4 minuti a botta.
Alla prossima.

Fonte: Enrico Marchetti



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio